Evasione fiscale delle multinazionali: nasce la Commissione speciale del Parlamento Ue

Strasburgo rafforza la lotto all'evasione e alla frode fiscale con un nuovo organo temporaneo di indagine. Tre italiani tra i 45 membri: Borghezio della Lega, Gualtieri del Pd e Salini di Forza Italia

European Parliament

Il Parlamento Ue ha approvato oggi la lista dei 45 membri della Commissione speciale sui crimini finanziari, la frode e l'evasione fiscale. Della Commissione, incaricata di esaminare in particolare "i regimi nazionali che prevedono dei privilegi fiscali, la frode all'Iva e i problemi di tassazione dell'economia digitale", faranno parte Mario Borghezio della Lega, Roberto Gualtieri del Pd e Massimiliano Salini di Forza Italia.   

Salini, Fi: "L'evasione delle multinazionali fomenta il populismo"

"L'elusione fiscale delle multinazionali del web - spiega Salini in una nota - è una pratica intollerabile che mina la fiducia dei cittadini nelle istituzioni europee: combatterla è una priorità assoluta dell'Ue". "Ovunque - sottolinea ancora Salini - i risultati delle elezioni nazionali indicano che i cittadini chiedono un’Europa diversa, più attenta ai problemi reali delle persone. Finché ci saranno Stati membri dove i piccoli imprenditori rischiano di chiudere perché costretti a pagare fino al 60-70% di tasse mentre i colossi di internet prosperano grazie ad aliquote inaccettabili, in alcuni casi addirittura inferiori allo 0,1%, il virus del populismo anti sistema e anti europeo troverà terreno fertile in cui crescere e diffondersi".

Lavori al via il 22 marzo

La Commissione speciale, che nasce sulla scia di quella sui Panama Papers e sui Paradise Papers, si riunirà per la prima volta il prossimo 22 marzo, in quell'occasione verranno nominati il presidente, i vice-presidenti e il relatore del rapporto sull'attività della stessa, un testo che conterrà anche le raccomandazioni dei deputati a Commissione e Consiglio Ue. I lavori dureranno un anno. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Commozione e rabbia per il suicidio di Alysson in Belgio: "È il simbolo dei dimenticati della crisi"

  • L'Olanda legalizzerà la 'liquefazione' in alternativa alla cremazione o alla sepoltura dei morti

  • Bimba di 2 anni uccisa dalla polizia, mobilitazione internazionale per chiedere giustizia

  • In Romania una persona su quattro non ha i servizi igienici in casa, in Italia in 360mila

  • “La Germania confina con l’Italia”, la gaffe della presidente della Commissione von der Leyen

  • Perché Polonia e Ungheria bloccano il Recovery fund (e i fondi per l'Italia). E cosa c'entrano i migranti

Torna su
EuropaToday è in caricamento