"Macché problemi di salute, lascio il Movimento per fondarne un altro". Borrelli pensa in grande

L'ex capogruppo EFDD esce allo scoperto con un post: "Non sto male e voglio fondare un nuovo movimento". Così vuole mettere a tacere le voci su presunti guai sui finanziamenti, ma non cancella i rumori di forti screzi con Davide Casaleggio

David Borrelli. European Parliament

Lascia un Movimento per fondarne un altro. David Borrelli, il primo eletto di peso grillino in Italia, abbandona il M5s per creare un altro soggetto politico che rappresenti l'area più imprenditoriale del progetto fondato da Beppe Grillo e Gianroberto Casalegno. 

"Non ho problemi di salute. Una decisione che merita spiegazioni"

"Ieri ho preso una decisione difficile che merita qualche spiegazione, perché sto leggendo troppe fantasiose ricostruzioni - ha scritto Borrelli sul suo profilo facebook contraddicendo le spiegazioni di Laura Agea, capodelegazione pentastellata a Strasburgo - non ho problemi di salute e non ne ho mai accennato. Auguro al Movimento 5 Stelle una strada costellata di ambiziosi traguardi e grandi successi"

"Il momento di cambiare percorso e aprire un nuovo progetto"

"Per tredici anni - insiste Borrelli - il Movimento è sempre stato la mia casa, l’ho visto nascere ed ho avuto il privilegio di assistere molto da vicino a tutte le tappe di questa avventura. Ora è arrivato per me il momento di cambiare percorso. Nella vita mi sono sempre occupato con grande intensità di imprenditori e risparmiatori. Per questo ho deciso di aderire ad un nuovo progetto: un movimento, che nascerà a breve, e che si occuperà proprio di imprenditori e risparmiatori. Lo devo a loro, lo devo alla mia vita".

Prova a mettere fine alle illazioni sulle sue società

Con queste frasi l'eurodeputato trevigiano vuole mettere a tacere le voci di un suo coinvolgimento nello scandalo rimborsopoli e, soprattutto, i dati riportati da La Stampa di presunti passaggi di denaro alla sua società di informatica Trevigroup Spa in Italia, ma non cancella le voci, anticipate da Europa.Today, di screzi con Davide Casaleggio. Lo strappo consumato in un momento iper-delicato, a pochi giorni dalle elezioni del 4 marzo, segna un distanziamento chiaro e cosciente dalla linea del partito interpretata dal figlio del guru del Movimento. 

Cosa farà? In Europa e in Italia

Ora non resta che vedere le sue prossime mosse. E' chiaro che l'approdo al girone infernale dei non iscritti non rappresenta che una tappa intermedia, di attesa. Da lì non può far nulla, ma è chiaro che a Borrelli, molto attivo nell'ambito delle imprese e architetto fallito del passaggio dei 5 Stelle nel gruppo dei liberaldemocratici, quel girone stia ben stretto. 

Non sarebbe quindi da stupirsi di vedere Borrelli tra qualche settimana approdare nello stesso gruppo dei liberaldemocratici al Parlamento Ue, a coronamento personale del tentativo collettivo di far convergere al centro tutto lo schieramento pentastellato in Europa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

D'altronde l'eurodeputato trevigiano non sarebbe più stato candidabile per le ferree leggi grilline sui limiti di mandato, ora, liberato da questo giogo e voglioso di lanciare un movimento a sua immagine e somiglianza, ossia più tarato sulle imprese ed il tessuto innovatore e produttivo, Borrelli pensa di ritagliarsi un suo spazio in politica. Quanto sarà credibile e pesante, questo spazio, è tutto da vedere. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Ue "promuove" la Calabria sul Covid: unica regione verde in Italia e tra le poche in Europa

  • Il décolleté della premier divide la Finlandia: "Fa la modella invece di pensare al Covid"

  • Altro che Mes, l'Italia pronta a rinunciare anche ai prestiti del Recovery fund

  • Conte va via e lascia Merkel a rappresentare l'Italia al vertice Ue. La Lega attacca (ma è la prassi)

  • È vero che l'Ue vuole tassare la prima casa? Sì, ma solo se sei ricco

  • Il villaggio di Babbo Natale è in crisi per colpa del Covid

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento