menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Ansa Jason Redmond / AFP

Foto Ansa Jason Redmond / AFP

Il Boeing 737 max potrà tornare a volare in Europa

L'aereo era stato bloccato nel marzo 2019 dopo essere stato protagonista di due incidenti che sono costati la vita a 349 persone. Ma ora il regolatore europeo per l'aviazione garantisce: “È sicuro”

Nei cieli europei tornerà presto a volare il 737 Max della Boeing, dopo un lungo stop dovuto al fatto che l'aeroplano era stato protagonista di due incidenti, uno avvenuto in Indonesia e un altro in Etiopia, che sono costati la vita a 346 persone e che hanno sollevato dubbi sulla sua sicurezza. Il principale regolatore europeo per l'aviazione, l'Easa (Eu Aviation Safety Agency) si è detto soddisfatto delle modifiche apportate da Boeing al modello.

Dopo i voli di prova condotti a settembre, l'Easa sta eseguendo le revisioni finali dei documenti in vista di una bozza di direttiva sull'aeronavigabilità che prevede di emanare il mese prossimo, come spiegato da Patrick Ky, direttore esecutivo dell'Easa a Bloomberg, e quindi entro la fine dell'anno il via libera potrebbe diventare effettivo. Questo nonostante Boeing, su richiesta dell'agenzia, debba aggiornare il suo software per la sicurezza, per cui potrebbero essere necessari altri 20-24 mesi di tempo. Ky ha detto che "il velivolo è sicuro e il livello di sicurezza raggiunto con le modifiche è considerato sufficiente. Quello che stiamo attualmente discutendo con Boeing è il fatto che con il terzo sensore si raggiungerebbe un livello di sicurezza ancora più alto".

Secondo Bloomberg, anche l'autorità statunitense, la Faa, potrebbe presto approvare il ritorno in volo dell'aereo. Dopo oltre sei mesi senza ordini, Boeing ha annunciato di aver venduto due 737 Max a una compagnia aerea polacca, la Enter Air, ad agosto. Si tratta di una buona notizia anche per la Ryanair che da tempo attendeva la consegna di 135 aerei di questo modello.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Perché l’Italia è il primo Paese Ue a bloccare l’export di vaccini

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento