Ok alla fabbrica di auto ecologiche Tesla, ma si disboscheranno 92 ettari di boschi

La compagnia statunitense costruirà il suo primo impianto europeo in Germania. Sconfitti gli ambientalisti che parlavano di rischi per le risorse idriche e la fauna

Il disboscamento per la costruzione del sito - foto Ansa EPA/HAYOUNG JEON

Alla fine la Tesla l'ha avuta vinta e potrà tornare a disboscare l'area nella quale intende costruire il suo primo impianto europeo per la costruzione di auto elettriche in Europa. Dopo lo stop dello scorso weekend ora il più alto tribunale amministrativo degli Stati di Berlino e Brandeburgo ha dato il via libera all'abbattimento di alberi in una vasta area a Grunheide, vicino la capitale del Paese, dove sorgerà la fabbrica per la produzione di vetture elettriche e batterie, che sarà chiamato Gigafactory.

Sconfitti gli ambientalisti

Si tratta di una grossa sconfitta per le due associazioni ambientaliste che lottavano per impedire gli abbattimenti nell'area ritenendoli una minaccia per la fauna selvatica e le risorse idriche locali. Il tribunale ha respinto il ricorso della Lega Verde di Brandeburgo e dell'Associazione per la gestione del paesaggio e la protezione delle specie in Baviera, che si erano rivolte al giudice contro il permesso di disboscare 91 ettari ottenuto da Tesla. Holger Lösch, un alto funzionario del gruppo, ha definito la decisione "un segnale importante per la Germania come luogo di investimenti" e ha chiesto una discussione più ampia sulle procedure di pianificazione e approvazione di nuovi impianti "che nel corso degli anni si sono trasformate in un serio ostacolo agli investimenti".

L'impianto

La compagnia californiana di Elon Musk ha annunciato il piano di costruire la fabbrica nel comune del Brandeburgo che si trova a meno di 40 chilometri a sudest di Berlino, nel novembre scorso. In seguito l'azienda ha comprato dallo Stato un'area di 300 ettari parzialmente coperti di foresta per 41 milioni di euro, ottenendo l'autorizzazione ad abbattere gli alberi. Tesla vuole iniziare a produrre 150mila auto elettriche all'anno a partire dal secondo semestre del 2021. Per gli anni successivi la casa d'auto intende portare questo numero a mezzo milione l'anno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Dal 1 gennaio basterà un ritardo di pagamento di 100 euro per finire nella blacklist delle banche”

  • George Clooney attacca Orban: “In Ungheria solo rabbia e odio”. La replica: “Consigliato da Soros”

  • Sci, Austria contro l'Italia: "Nostri impianti resteranno aperti, se Ue ci obbliga ci risarcisca"

  • Neonazismo e antisemitismo: si dimette l'alleato olandese di Giorgia Meloni

  • "Alexa è antisemita", Amazon apre un'inchiesta sull'assistente virtuale

  • "Tornerò in Russia per portarla verso l’Ue". Navalny lancia la sfida a Putin

Torna su
EuropaToday è in caricamento