Plastica addio: il Parlamento Ue mette al bando le bottigliette d'acqua dall'anno prossimo

Con la nuova legislatura, che inizia nel giugno 2019, spariranno dagli edifici dell'Eurocamera di Bruxelles e Strasburgo le bottigliette di plastica. Al loro posto un innovativo sistema di approvvigionamento idrico che andrà a sostituire le oltre 8 mila bottiglie consumate ogni giorno

Petizione contro l'uso delle bottiglie di plastica. Parlamento Ue

Già sono apparsi i primi segni, dei distributori d'acqua, sia liscia che frizzante, nei corridoi del Parlamento Ue, tanto a Bruxelles quanto a Strasburgo. Una presenza che è il primo passo tangibile verso l'addio alle bottiglie di plastica all'interno dell'Eurocamera: con la nuova legislatura, che inizia nel giugno prossimo, arriveranno nuovi deputati e spariranno le bottigliette d'acqua.

Oltre 8 mila bottiglie al giorno

La decisione è stata presa dall'Ufficio di presidenza dell'istituzione - organo composto dal Presidente Antonio Tajani e dai 14 vice presidenti - e punta ad un sistema di approvvigionamento idrico innovativo nei locali del Parlamento tramite un ampio sistema di fontane d'acqua disponibile per i membri dell'istituzione, visitatori e personale e per consentire la riduzione e l'eliminazione progressiva delle materie plastiche monouso, incluso le bottiglie. Un cambio non da poco, visto che pare che al giorno vengano consumate oltre 8.000 bottiglie nei vari edifici del Parlamento Ue...

L'addio è previsto per il 2019, con l'avvio della nuova legislatura. "Sono felice di annunciare che l'ufficio di presidenza ha deciso di sbarazzarsi di tutte le bottiglie di plastica e di ridurre al minimo la plastica monouso del Parlamento dal luglio 2019", ha scritto in un tweet la vicepresidente del Parlamento europeo Heidi Hautala. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La petizione lanciata nel 2012

L'iniziativa viene comunque da lontano, già nel 2012 era stata lanciata una prima raccolta di firme all'interno della stessa Eurocamera per chiedere l'abbandono delle bottiglie di plastica, ora la petizione centro il bersaglio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per l'Ue anche l'Italia è zona rossa: si salva solo la Calabria (che però perde il "bollino" verde)

  • Altro che Mes, l'Italia pronta a rinunciare anche ai prestiti del Recovery fund

  • Svezia sicura della sua strategia, elimina anche le restrizioni per anziani e vulnerabili

  • È vero che l'Ue vuole tassare la prima casa? Sì, ma solo se sei ricco

  • La Corte Ue "salva" il taglio dei vitalizi agli eurodeputati italiani

  • Si rifiuta di stringere la mano alle donne. Negata cittadinanza a medico libanese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento