Pianeta e rifiuti, nuovo record per il consumo di materiali: “100 miliardi di tonnellate in un anno”

Cala la quota di riutilizzo, mentre negli ultimi cinquant’anni è quadruplicato il fabbisogno di materia prime. Nello stesso periodo, la popolazione mondiale è “solo” raddoppiata

Aumentano a dismisura i materiali utilizzati dall'economia globale, ormai quadruplicati dal 1970 a oggi. Un incremento allarmante per l’ambiente e la saluta del Pianeta, se si considera che nello stesso periodo la popolazione mondiale è solo, si fa per dire, raddoppiata. Solo negli ultimi due anni, i consumi di materie prime sono aumentati di oltre l'8%, mentre il riutilizzo delle risorse è sceso dal 9,1% all'8,6%.

Il rapporto

L’allarme arriva da un rapporto a cura del think tank Circle Economy pubblicato in occasione del 50mo World Economic Forum in corso a Davos. Il documento mostra che, in media, ogni persona sulla Terra utilizza più di 13 tonnellate di materiali ogni anno. Ma il rapporto ha anche scoperto che alcune nazioni stanno compiendo passi avanti importanti verso modelli di economia circolare, nei quali l'energia rinnovabile sostiene sistemi in cui rifiuti e inquinamento atmosferico sono sensibilmente ridotti.

Materiali consumati

Il rapporto ha rilevato che solo nel 2017 sono stati consumati 100,6 miliardi di tonnellate di materiali. I dati, gli ultimi a disposizione, dicono anche che la metà di tali materiali è costituita da sabbia, argilla, ghiaia e cemento utilizzati per l'edilizia, insieme agli altri minerali estratti per produrre fertilizzanti. Il carbone, il petrolio e il gas rappresentano il 15%, mentre i minerali metallici il 10%. L'ultimo 25% è diviso tra piante e alberi “consumati” per produrre cibo e carburante.

Dove finiscono i nostri rifiuti

Meno di un terzo dei materiali rimangono in uso dopo un anno, come edifici e veicoli. Il 15% viene invece emesso nell'atmosfera sotto forma dei gas responsabili del riscaldamento climatico e quasi un quarto viene scartato nell'ambiente, come la plastica nei corsi d'acqua e negli oceani. Un terzo dei materiali viene invece trattato come rifiuto, per lo più destinato alle discariche e alle attività minerarie. Solo l'8,6% viene riciclato.

L'appello degli studiosi

Il rapporto afferma infine che l'aumento del riciclaggio può rendere le economie più competitive, migliorare le condizioni di vita e aiutare a raggiungere gli obiettivi sulle emissioni ed evitare la deforestazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Commozione e rabbia per il suicidio di Alysson in Belgio: "È il simbolo dei dimenticati della crisi"

  • L'Olanda legalizzerà la 'liquefazione' in alternativa alla cremazione o alla sepoltura dei morti

  • In Romania una persona su quattro non ha i servizi igienici in casa, in Italia in 360mila

  • Bimba di 2 anni uccisa dalla polizia, mobilitazione internazionale per chiedere giustizia

  • “La Germania confina con l’Italia”, la gaffe della presidente della Commissione von der Leyen

  • Perché Polonia e Ungheria bloccano il Recovery fund (e i fondi per l'Italia). E cosa c'entrano i migranti

Torna su
EuropaToday è in caricamento