Martedì, 28 Settembre 2021
Ambiente

L'Ue lancia la rete per l'energia pulita puntando su idrogeno e eolico. Ma 'salva' il gas

La Commissione svela la proposta di un network infrastrutturale, sostenuto con finanziamenti da Bruxelles, che ha l'obiettivo di 'scavalcare' al più presto i combustibili fossili. Ma gli ambientalisti si dicono delusi dal testo

È arrivato il via libera della Commissione europea alle nuove reti transeuropee dell’energia, il regolamento Ten-E, nato con l’obiettivo di ‘accompagnare’ la modernizzazione delle infrastrutture energetiche transfrontaliere dell'Europa e realizzare gli obiettivi del Green Deal. Anche se l’adozione formale della proposta dell’esecutivo europeo è arrivata solo nel pomeriggio di ieri, le bozze del provvedimento sono state diffuse e commentate in anticipo. La testata Euractiv, ad esempio, ha messo in risalto che “per la prima volta” l’Ue ha deciso di “escludere gli oleodotti e i gasdotti” dalla lista dei beneficiari di finanziamenti Ue, mentre “si apre alla possibilità di finanziare nuove infrastrutture per l’idrogeno”. “Le norme Ten-E riviste consentiranno di collegare al nostro sistema energetico le tecnologie pulite, compreso l'eolico offshore e l’idrogeno”, ha confermato poche ore più tardi il vicepresidente della Commissione Frans Timmermans

La strategia per la neutralità climatica entro il 2050

La politica Ue sulle reti transeuropee dell'energia sostiene i progetti di interesse comune (Pic), che dovranno contribuire alla realizzazione degli obiettivi di riduzione delle emissioni per il 2030 e della neutralità climatica entro il 2050, come previsto dal Green Deal. Di qui la scelta di promuovere l'integrazione delle rinnovabili e delle nuove tecnologie pulite nel sistema energetico. La Commissione promette comunque di continuare a collegare le regioni più isolate ai mercati europei dell'energia, a rafforzare le interconnessioni transfrontaliere esistenti e a promuovere la cooperazione con i Paesi partner. Ma anche a fare la sua parte per realizzare tempestivamente le infrastrutture transfrontaliere necessarie alla transizione energetica proponendo modi di semplificare e accelerare le procedure di rilascio dei permessi e delle autorizzazioni.

Stop a petrolio e gas naturale

Andando nello specifico di quanto contenuto nel testo, la proposta della Commissione prevede anzitutto l'obbligo, per tutti i progetti, di soddisfare i criteri vincolanti di sostenibilità e il principio del “non nuocere” stabilito dal Green Deal. L’aggiornamento delle categorie di infrastrutture ammesse a beneficiare del sostegno Ue nell'ambito della politica Ten-E, come anticipato, porrà fine al sostegno delle grandi opere per il petrolio e il gas naturale. Bruxelles promette invece di puntare sulle reti elettriche offshore con disposizioni che favoriscano una maggiore integrazione della loro pianificazione e attuazione con quelle delle infrastrutture a terra attraverso l'introduzione di sportelli unici per l’offshore. La scelta più in risalto del testo è quella di puntare alle infrastrutture per l’idrogeno e alcuni tipi di elettrolizzatori.

Ma il testo promuove anche gli investimenti nelle reti 'smart' per integrare il cosiddetto gas ‘pulito’ (come il biogas e l'idrogeno rinnovabile) nelle reti esistenti. Bruxelles punta anche alla modernizzazione delle reti elettriche e delle strutture di stoccaggio. Si rivede inoltre il quadro di governance per perfezionare il processo di pianificazione delle infrastrutture e garantire che questo sia in linea con gli obiettivi climatici e i principi di integrazione del sistema energetico, attraverso un maggiore coinvolgimento dei portatori di interessi in tutto il processo e un ruolo rafforzato dell'Agenzia Ue per la cooperazione fra i regolatori nazionali dell'energia (ACER).

Le reazioni

“Il quadro Ten-E attuale è stato fondamentale per creare un vero e proprio mercato unico dell'energia, per integrarlo meglio e renderlo più competitivo e sicuro”, ha ricordato la commissaria all'Energia Kadri Simson. “Ma i nostri ambiziosi obiettivi climatici richiedono una maggiore attenzione alla sostenibilità e alle nuove tecnologie pulite”, ha avvertito la commissaria Ue. “Ecco perché la nostra proposta dà priorità alle reti elettriche, all'energia offshore e ai gas rinnovabili, e non ammette più che si sostengano le infrastrutture per il petrolio e il gas naturale”, ha sottolineato la politica estone. 

Ma per gli per gli ambientalisti e i sostenitori delle energie rinnovabili il piano presenta alcune criticità. “L'idrogeno può sembrare pulito e futuristico, ma il 99% dell'idrogeno in Europa oggi è prodotto da compagnie di combustibili fossili che dividono il gas e rilasciano carbonio, incrementando il riscaldamento globale”, ha detto Tara Connolly, attivista di Amici della Terra - Europa. “Invece di chiedersi cosa può fare l'idrogeno per l'industria europea del gas, l'Ue dovrebbe chiedersi cosa può realmente fare l'idrogeno per la transizione energetica dell’Europa”, ha concluso Connolly.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Ue lancia la rete per l'energia pulita puntando su idrogeno e eolico. Ma 'salva' il gas

Today è in caricamento