Auto, da Stati Ue via libera alle nuove etichette per pneumatici: "Meno consumi e smog"

I ministri dei Trasporti dei 27 Paesi membri hanno dato l'ok al regolamento che modifica il sistema di etichettatura con migliori informazioni su prestazioni, sicurezza e rumorosità. L'obiettivo è anche ridurre l'impatto ambientale

Via libera degli Stati membri dell'Ue al regolamento che introduce nuove etichette con migliori informazioni su consumo di carburante, sicurezza e rumorosità arriveranno presto per tutti i pneumatici europei. La novità più importante riguarda l'allineamento con l'etichetta energetica degli elettrodomestici, con informazioni sulla classe di efficienza delle gomme nel consumo di carburante (dalla A più efficiente alla G meno efficiente).

Etichette 

Il regolamento apporta una serie di importanti modifiche alle norme precedenti. Le etichette diventeranno più visibili e più chiare per i consumatori e dovranno indicare l'efficienza dei pneumatici, l'aderenza sul bagnato e il rumore esterno di rotolamento. Possono essere incluse informazioni sulla prestazione su neve e ghiaccio.

Come qualsiasi altra categoria di pneumatici, anche i pneumatici ricostruiti rientrano nel regolamento. I requisiti relativi a questo tipo di pneumatici si applicheranno non appena sarà disponibile un metodo di prova adeguato per misurarne le prestazioni. Il regolamento comprende anche disposizioni che prevedono l'aggiunta di parametri relativi al chilometraggio e all'abrasione non appena saranno disponibili metodi di prova adeguati. Tali disposizioni dovrebbero contribuire a ridurre la quantità di microplastiche rilasciate nell'ambiente a causa dell'abrasione dei pneumatici.In futuro anche i pneumatici per autocarri e autobus dovranno recare l'etichetta.

Emissioni

Secondo le previsioni dell'Ue, il nuovo regolamento dovrebbe comportare una riduzione di 10 milioni di tonnellate di emissioni di Co2 e un aumento del fatturato di 9 miliardi di euro. Inoltre, le nuove etichette mirano a ridurre l'inquinamento acustico nel settore dei trasporti e ad aumentare la sicurezza stradale. Permetterà ai consumatori di ottenere informazioni più pertinenti e comparabili in relazione al consumo di carburante, alla sicurezza e alla rumorosità, e di adottare decisioni efficienti in termini di costi e rispettose dell'ambiente al momento dell'acquisto di nuovi pneumatici.

I pneumatici, soprattutto a causa della resistenza al rotolamento, rappresentano tra il 20 e il 30% del consumo di carburante dei veicoli. Una riduzione della loro resistenza al rotolamento contribuisce pertanto alla riduzione delle emissioni, consentendo al tempo stesso ai consumatori di risparmiare sui costi grazie al minor consumo di carburante.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Perché il regolamento entri in vigore, occorre adesso l'ultimo ok del Parlamento europeo, che aveva comunque già trovato l'intesa con gli Stati membri sul testo varato dai ministri Ue.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per l'Ue anche l'Italia è zona rossa: si salva solo la Calabria (che però perde il "bollino" verde)

  • Svezia sicura della sua strategia, elimina anche le restrizioni per anziani e vulnerabili

  • Altro che Mes, l'Italia pronta a rinunciare anche ai prestiti del Recovery fund

  • L'Olanda manda i malati di Covid in Germania: "Nelle terapie intensive solo 200 posti ancora liberi"

  • La Corte Ue "salva" il taglio dei vitalizi agli eurodeputati italiani

  • È vero che l'Ue vuole tassare la prima casa? Sì, ma solo se sei ricco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento