rotate-mobile
Sabato, 20 Aprile 2024
Il caso / Germania

Una miniera di carbone al posto delle case: lo scudo umano degli attivisti per bloccare le ruspe

Succede in Germania: il governo (di cui fanno parte i Verdi) invia poliziotti e cannoni d'acqua per sgomberare il villaggio di Luetzerath

Attivisti per il clima rintanati tra case e alberi, mentre le ruspe cominciano ad abbattere il villaggio, protette da schiere di poliziotti, per ingrandire una miniera di carbone. È quanto sta succedendo in queste ore a Luetzerath, in Germania. Una scena impensabile fino a poco tempo fa, soprattutto da quando i Verdi sono giunti al governo tedesco promettendo di porre fine a fossili e nucleare.

La guerra in Ucraina e la necessità di far fronte alla stretta sul gas russo hanno cambiato rapidamente le priorità anche del partito ecologista, almeno nel breve termine: lo stop al nucleare è stato posticipato, e la produzione di carbone è stata rilanciata. La miniera di Luetzerath fa parte di questo nuovo piano, richiesto dal gigante energetico Rwe lo scorso autunno e avvallato dal ministro dell'Economia Robert Habeck, leader dei verdi tedeschi, ma osteggiato dal variegato fronte ecologista del Paese. 

Gli abitanti del villaggio hanno gradualmente lasciato le loro case, ma al loro posto si sono subito piazzati gli attivisti per il clima. Secondo i media locali, almeno 200 giovani, in particolare di Fridays For Future, hanno creato uno sorta di scudo umano contro le ruspe, nascondendosi tra le case abbandonate del villaggio e gli alberi. Secondo l'agenzia Dpa, gli attivisti avrebbero piazzato anche delle bombole di gas nelle abitazioni. A dar loro manforte dovrebbero arrivare poi altri ecologisti da tutta la Germania richiamati da una mobilitazione nazionale prevista per il 14 gennaio.

La risposta delle autorità non si è fatta attendere. Secondo lo Spiegel, Berlino sta schierando un numero massiccio di poliziotti provenienti da 14 regioni, con cavalli, cani e cannoni ad acqua. Lo sgombero degli attivisti potrebbe scattare già in settimana. E c'è chi teme uno scontro che potrebbe ricordare quanto successo in Italia con il Tav Torino-Lione in Val di Susa. 

I Verdi, dal canto loro, difendono la decisione di espandere la miniera, sostenendo che è stato un compromesso necessario per garantire la sicurezza energetica, e che in cambio hanno ottenuto uno stop anticipato dell'estrazione di carbone nella Renania, la regione in cui si trova Luetzerath. Per il momento, la vicenda non ha creato contraccolpi nei sondaggi: rispetto ai voti presi alle elezioni politiche del settembre 2021, i consensi sono oggi leggermente più alti, intorno al 19%. I Verdi sono addirittura appena davanti all'Spd, il partito socialdemocratico che ha vinto le ultime elezioni e che guida il governo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una miniera di carbone al posto delle case: lo scudo umano degli attivisti per bloccare le ruspe

Today è in caricamento