"Scoppia bomba alla Commissione Ue": la protesta degli ambientalisti a Bruxelles

L'iniziativa di Greenpeace per spingere i leader europei a promuovere misure più efficaci per contrastare il cambiamento climatico

Una bomba è scoppiata alla Commissione europea. Ma per fortuna era solo virtuale. Attivisti di Greenpeace sono entrati in azione questa notte proiettando sulla sede dell'esecutivo comunitario, il palazzo Berlaymont di Bruxelles, un'immagine del Pianeta raffigurato come una bomba in procinto di esplodere, a simboleggiare la crisi climatica che i leader Ue sono chiamati a disinnescare con le proprie azioni. Lo hanno fatto alla vigilia del vertice dei capi di Stato e di governo in cui si discute delle priorità future dell'Ue. 

"I cambiamenti climatici sono una minaccia globale e le persone in tutto il mondo stanno già vivendo gli effetti della crisi climatica - dichiara Luca Iacoboni, responsabile della campagna clima ed energia di Greenpeace Italia - L'Ue e la nuova Commissione europea devono rendere la questione climatica una priorità, agendo immediatamente per ridurre le emissioni e inchiodando alle proprie responsabilità le grandi aziende che inquinano il Pianeta".

Al momento 22 governi, compreso quello italiano, stanno supportando la proposta della Commissione europea per un obiettivo ''Emissioni Zero'' al 2050, ed è in fase di discussione l'innalzamento dell'obiettivo del 40% di riduzione delle emissioni al 2030. Greenpeace chiede ai leader Ue un taglio delle emissioni del 65% al 2030, per arrivare a emissioni zero entro il 2040. "Gli attuali impegni globali ci proiettano verso un aumento medio della temperatura globale di oltre 3°C, mentre la soglia rintracciata dalla scienza per evitare le conseguenze peggiori del cambiamento climatico è di soli 1.5°C. È evidente che i leader mondiali devono fare di più, e devono farlo subito, schierandosi dalla parte dei cittadini e non delle grandi aziende che fanno profitti inquinando il Pianeta e mettendo a rischio le nostre vite", conclude Iacoboni.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Telecamere sul lavoro? "Non violano privacy, giusti licenziamenti"

  • Macron frena sull'ingresso di Albania e Macedonia nell'Ue: "No all'avvio dei negoziati"

  • Macron contro tutti, Francia unica contraria a Albania e Macedonia del Nord nell’Ue

  • Il crimine non ha genere: ecco le 21 donne più ricercate d'Europa

  • I bunker per le scorie nucleari sono pieni, proteste in Belgio

  • Il deficit del duo Di Maio-Salvini? Più basso di quello del governo Gentiloni

Torna su
EuropaToday è in caricamento