rotate-mobile
Domenica, 5 Febbraio 2023
Le conseguenze della crisi / Germania

Sgomberati gli attivisti anti carbone: molotov e razzi contro la polizia

I manifestanti hanno occupato il villaggio di Lutzerath, al centro di una battaglia tra il governo che vuole aumentare le estrazioni per far fronte alla crisi e gli ambientalisti che si oppongono

La polizia tedesca ha iniziato le operazioni di sgombero del villaggio abbandonato di Lutzerath , occupato da attivisti ambientalisti per provare a impedire l'espansione della miniera di carbone di Garzweiler. Il progetto fa parte di un nuovo piano, richiesto dal gigante energetico Rwe lo scorso autunno e avvallato dal ministro dell'Economia Robert Habeck, leader dei verdi tedeschi, ma osteggiato dal variegato fronte ecologista del Paese. La guerra in Ucraina e la necessità di far fronte alla stretta sul gas russo hanno cambiato le priorità anche del partito ecologista, almeno nel breve termine: lo stop al nucleare è stato posticipato e la produzione di carbone è stata rilanciata.

Per questo la miniera di Garzweiler è diventata centrale e per la sua espansione è stato chiesto agli abitanti del vicino villaggio di Lutzerath, nello Stato occidentale della Renania Settentrionale-Vestfalia, di trasferirsi altrove. Ma le loro case sono state occupate negli ultimi giorni dagli ambientalisti, determinati così a impedire il progetto. Oggi però il governo ha deciso di ordinare lo sgombero dei manifestanti. Questi ultimi hanno formato catene umane, costruito una barricata con vecchi container e cantato "siamo qui, siamo forti, perché state rubando il nostro futuro. Le forze dell'ordine hanno sostenuto che alcuni attivisti hanno iniziato a lanciare bottiglie molotov e pietre.

"Rwe si appella agli abusivi affinché rispettino le regole della legge e pongano fine all'occupazione illegale di edifici, impianti e siti appartenenti a Rwe in modo pacifico", ha dichiarato l'azienda in una note, aggiungendo che "nessuno dovrebbe mettere a rischio la propria salute e la propria vita partecipando ad attività illegali". Lo sgombero è iniziato dopo la decisione del tribunale regionale di lunedì che ha confermato una precedente sentenza che dava il via libera all'evacuazione del villaggio i cui terreni e case sono state acquistate da Rwe.

Le proteste evidenziano le crescenti tensioni sulla politica climatica di Berlino, che è cambiata drasticamente dopo l'invasione dell'Ucraina da parte della Russia. La questione è particolarmente delicata per il partito dei Verdi, ora tornato al potere come parte della coalizione di governo del Cancelliere Olaf Scholz dopo 16 anni di opposizione tra il 2005 e il 2021. Il partito ha dato il suo assenso,come misura di emergenza, al riavvio delle centrali a carbone in disuso e il prolungamento della durata di vita di quelle nucleari, dopo che Vladimir Putin a tagliato le forniture di gas all'Europa creando una situazione che ha fatto salire i prezzi alle stelle. Su richiesta dei Verdi però il governo ha tuttavia anticipato la data di chiusura di tutte le centrali a carbone nel Nordreno-Vestfalia dal 2038 al 2030, mantenendo proprio una promessa elettorale dei Verdi. Secondo Rwe, la miniera di Garzweiler estrae circa 25 milioni di tonnellate di lignite all'anno.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sgomberati gli attivisti anti carbone: molotov e razzi contro la polizia

Today è in caricamento