rotate-mobile
Sabato, 18 Maggio 2024
Ambiente

La Francia spenderà milioni di euro per sotterrare la Co2

Lo stoccaggio del carbonio sarà testato in quattro o cinque luoghi come spiega il ministro dell'energia Roland Lescure

Ieri petrolio, domani CO2: la Francia prevede di testare dall'inizio del 2025 "quattro o cinque progetti di stoccaggio della CO2" in via prioritaria nei vecchi giacimenti petroliferi del Paese o alla fine della loro vita, per aiutare l'industria a mantenere i suoi obiettivi di decarbonizzazione. Non è certo il Texas e il suo sottosuolo ricco di idrocarburi, ma anche la Francia ha giacimenti petroliferi, vecchi o ancora attivi, nella regione parigina e nel bacino dell'Aquitania, alcuni dei quali verranno utilizzati per accogliere la CO2 emessa dalle industrie. Il Ministro dell'Industria e dell'Energia Roland Lescure lancerà oggi l'invito di manifestazione di interesse rivolto in particolare ai produttori di idrocarburi affinché propongano progetti di seppellimento prioritario del CO2 in questi giacimenti. Il governo prende di mira in particolare le poche aziende che producono circa l'1% del petrolio consumato in Francia, come Vermillion, ha spiegato l'ufficio del ministero. L'annuncio, che sarà fatto ufficialmente oggi nel corso di una visita del ministro allo stabilimento Technip Energies di Sens (Yonne), segna "la realizzazione del lancio della strategia di stoccaggio della Francia". E fa parte del lavoro di pianificazione ecologica e di decarbonizzazione del settore, il cui obiettivo fissato dall'Eliseo è di dimezzare in 10 anni le emissioni di CO2 che riscaldano il pianeta. Secondo il ministero, "il potenziale delle concessioni di idrocarburi esistenti a livello nazionale è stimato a circa 800 milioni di tonnellate di CO2", che coprirebbero "50 anni di fabbisogno di stoccaggio di CO2 dell'industria francese".

La cattura e lo stoccaggio del carbonio rientrano tra le soluzioni ritenute necessarie dagli esperti per contenere il riscaldamento globale, a condizione che non vengano utilizzate come licenza per continuare a inquinare. "Ad essere preoccupati devono essere proprio i processi senza alternative di decarbonizzazione", avverte Anne Bringault, direttrice dei programmi del Climate Action Network. Intervistato dal quotidiano Les Echos, Lescure ricorda che il piano di decarbonizzazione dei 50 siti industriali più inquinanti, annunciato nel novembre 2022, prevede innanzitutto misure come "l'efficienza energetica, l'elettrificazione, la sostituzione del carbone con l'idrogeno. "La cattura avviene solo come ultima risorsa", ha assicurato.

Produttori di fertilizzanti, produttori di cemento, chimici, 37 produttori tra i 50 maggiori emettitori hanno espresso la necessità di catturare e immagazzinare la CO2 che non possono eliminare con altri mezzi alla fine delle loro catene di produzione, al fine di rispettare la loro tabella di marcia di decarbonizzazione. Hanno stimato il loro fabbisogno di cattura a circa otto milioni di tonnellate nel 2030, quindi a 16 milioni entro il 2040. Una volta segnalati i potenziali siti di stoccaggio da parte delle aziende, entro il 26 luglio, sarà aperta fino a dicembre una fase di call for project per valutarne il potenziale. L'obiettivo è che "all'inizio del 2025, lo stoccaggio del carbonio sarà testato in quattro o cinque luoghi in Francia", indica il ministero. Il ministro Lescure la vede come "un'opportunità di riconversione" per questi territori ancora legati all'industria petrolifera. "Spero in un dibattito il più ragionato possibile", ha detto, riferendosi alle possibili questioni riguardanti l'accettabilità di questi progetti da parte del pubblico. Al momento dei test, questi progetti potranno beneficiare di una dotazione globale ancora provvisoria di "circa 20-30 milioni di euro" nel quadro del programma Francia 2030. Questi test dovranno verificare la buona tenuta dei pozzi per accogliere la CO2. "Dovremo anche considerare tutte le condizioni di monitoraggio, perché queste sono le tecnologie che non sono mature e ci sono rischi di perdite a lungo termine", sottolinea Anne Bringault. Perché conservare in Francia? "Ci sono altre opportunità per farlo: Norvegia e Danimarca stanno valutando la possibilità di immagazzinare CO2 sul loro territorio" in acque profonde, ma questi progetti hanno un "costo elevato", a causa dei trasporti e della tecnologia utilizzata, offshore, nota Bercy. "Lo stoccaggio di questa CO2 in Francia consentirà quindi di dividere per due o tre i costi cumulativi di trasporto e stoccaggio" rispetto a questi progetti nordici, nei quali la Francia resterà coinvolta, indica il ministero.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Francia spenderà milioni di euro per sotterrare la Co2

Today è in caricamento