L'Europa in rivolta contro le politiche che toccano le auto

Non solo la rivolta dei gilet gialli francesi ma anche in atri Paesi i cittadini si oppongono ai rincari o ai divieti legati ai veicoli. I tedeschi stanno facendo pressione affinché Merkel non assecondi il blocco della circolazione dei diesel di vecchia generazione

In Francia è in corso una vera e propria rivolta che è nata a partire delle proteste contro il rincaro delle accise sui carburanti voluto dal presidente Emmanuel Macron: 7,6 centesimi al litro per il gasolio, 3,9 centesimi al litro per la benzina. Ma non è solo Parigi a dover fare fronte all'opposizione dei cittadini contro politiche che toccano le loro autovetture.

Tedeschi contro il divieto del diesel

Nel febbraio scorso il tribunale federale di Lipsia ha stabilito che i piani tedeschi per la qualità dell’aria devono essere attuati a livello locale aprendo alla possibilità per le città di introdurre divieti di circolazione alle auto diesel che non sono almeno Euro 6 anche in mancanza di modifiche alla normativa quadro della Germania, normativa che il governo di Angela Merkel non ha voluto adeguare e lasciando solo un divieto per le auto Euro 3. Se la cancelliera non ha ancora agito è perché sa che a rischio sono 15 milioni di automobili di vecchia generazione e che, come conferma un sondaggio della Bild, la maggioranza dei tedeschi è contraria al bando.

Francesi e belgi in rivolta

In Francia il malcontento dei cittadini era iniziato già lo scorso anno quando il premier Edouard Philippe aveva appoggiato la riduzione della velocità massima nelle strade provinciali da 90 a 80 chilometri orari. Dopo le dimissioni del ministro dell'Ambiente Nicolas Hulot Parigi ha voluto dare un segnale di credere ancora nell'ambientalismo e ha proposto nuove e più severe misure come quella di chiedere un pedaggio nelle strade attorno alla trafficata e inquinata capitale, Parigi, e l'aumento sull'accise che ha scatenato la rivolta dei gilet gialli. Dalle proteste è stato contagiato anche il vicino Belgio dove la settimana scorsa c'è stata una manifestazione che si è conclusa con scontri con le forze dell'ordine e auto della polizia date alle fiamme.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I norvegesi si oppongono ai caselli

Anche in Norvegia il governo ha investito moltissimo per promuovere auto pulite ma migliaia hanno protestato contro l'intenzione di introdurre i caselli autostradali all'inizio di quest'anno. A dimostrazione che anche lì, per quanto sia ritenuta necessaria per la salvaguardia dell'ambiente, i cittadini non vogliono che si tocchi la loro libertà di utilizzare l'automobile. La sfida della politica è quella di sostenere la transizione verde senza far ricadere i costi sui cittadini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In Svezia non c'è la seconda ondata, l'epidemiologo di Stato: "La nostra strategia è sostenibile"

  • "Chiamatemi Principessa", la figlia illegittima del re vuole i titoli. Ma la Casa reale dice no

  • “Salvini marionetta di Putin”, l'alleato di Berlusconi attacca la Lega

  • La Germania ha deciso: il vaccino per il coronavirus sarà volontario

  • I profitti sono cresciuti del 35%, ma Amazon paga solo il 3% di tasse in più

  • Sempre più Tory contro la violazione dei patti sulla Brexit, Cameron quinto ex premier a dire no

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento