L’Europa è a corto di energia alternativa: Francia al palo, Italia tra i virtuosi

L’allarme della Corte dei conti: in molti Stati membri mancano pannelli solari e pale eoliche per raggiungere gli obiettivi fissati per il 2020. Anche Germania e Spagna in ritardo. Per i giudici è colpa dell’austerity: servono più investimenti 

La deadline è fissata al 2020, ma l’Ue deve fare incetta di pannelli solari e pale eoliche in tempi rapidi se vuole “conseguire i valori-obiettivo che si è prefissata in termini di energia da fonti rinnovabili”. A lanciare l’allarme è la Corte dei conti europea, che in un audit ha analizzato la situazione nei 28 Stati membri. Scoprendo che se fino tra il 2005 e il 2013 la corsa all’energia alternativa ha fatto progressi significativi, a partire dal 2014 c’è stato un forte rallentamento, soprattutto in alcuni Paesi.  Con il rischio di non riuscire a raggiungere l’obiettivo globale del 20% (al 2017 era al 17,5%) e diversi target nazionali. 

I ritardatari

Tra i maggiori ritardatari ci sono Olanda, Francia, Regno Unito, Polonia, Irlanda e Lussemburgo. Amsterdam è quella che deve fare lo sforzo maggiore, dal momento che nel 2017 aveva una quota di energia alternativa pari al 6,6% contro un obiettivo del 14% entro il 2020. Male anche Parigi,  che ha un target del 23% ed è ferma al 16,3%. Se vogliono tener fede agli impegni presi, devono accelerare il passo, con un aumento di pannelli e pale superiore al 2% all’anno, quando finora la media annuale di crescita sulle fonti alterative è stata inferiore allo 0,5%.

Italia virtuosa

In questo contesto, l’Italia è tra i più virtuosi: il nostro obiettivo per il 2020 è del 17%, ma lo abbiamo già ampiamente superato da due anni (era il 18,3% nel 2017). In quanto a quota di energia alternativa sul totale consumato, Finlandia e Danimarca sono inarrivabili: 41% i finlandesi, quasi il 36% i danesi, ampiamente sopra i propri obiettivi già da tempo.

Ma perché vi è stato questo rallentamento in Europa? A sentire il report della Corte la colpa sarebbe dell’austerity. Guardando al passato, infatti, dal 2005 in poi la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili nell’Ue è raddoppiata. I settori eolico e solare fotovoltaico attualmente forniscono la quota maggiore di energia elettrica prodotta usando fonti rinnovabili, e la diminuzione dei costi li rende un’alternativa sempre più concorrenziale alla combustione dei combustibili fossili.

solare eolico corte-2

Colpa dell'austerity

La Corte ha valutato i progressi compiuti in particolare in Germania, Grecia, Spagna e Polonia per verificare se il sostegno finanziario alla produzione di energia elettrica mediante impianti eolici e solari sia stato efficace. La Corte ha rilevato che, in diversi casi, i primi regimi di sostegno erano stati eccessivamente sovvenzionati, risultando in prezzi dell’energia elettrica più alti e maggiori disavanzi pubblici. 

Dopo il 2014, quando gli Stati membri alla fine hanno ridotto il sostegno finanziario per alleggerire l’onere gravante sui consumatori e sui bilanci nazionali, la fiducia degli investitori è diminuita e si è verificato un rallentamento del mercato. “Gli Stati membri hanno incentivato gli investimenti in impianti eolici e solari, ma il modo in cui hanno ridotto il sostegno ha scoraggiato potenziali investitori e ha rallentato la diffusione”, ha affermato George Pufan, il membro della Corte dei conti europea responsabile della relazione.

Le raccomandazioni

Per questo, scrivono i giudici contabili, la Commissione europea dovrebbe intervenire per spingere gli Stati in ritardo a mettere da parte il rigore dei conti e investire: Bruxelles, si legge nel report della Corte, “dovrebbe esortare gli Stati membri a sostenere l’ulteriore diffusione dell’energia da fonti rinnovabili organizzando aste per assegnare capacità aggiuntiva, promuovendo la partecipazione dei cittadini e migliorando le condizioni di tale diffusione”. In particolare, la Corte sottolinea l’importanza di una produzione di energia “verde” dal basso, superando i paletti burocratici. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I dubbi sul 2030

Il report dice chiaramente che la produzione dei Paesi virtuosi come l’Italia non potrà compensare i gap di chi ancora è lontano dai suoi target. E sottolinea anche che il nuovo valore-obiettivo minimo fissato per il 2030, ossia il 32%, potrebbe diventare un miraggio. L’Ue, infatti, non ha mai reso vincolanti i target nazionali e questo si sta dimostrando un errore. In sostanza, a differenza di quanto avviene con i bilanci, la Commissione non ha poteri sanzionatori verso chi non fa i compiti a casa in tema di energia. Inoltre, la Corte avverte che per raggiungere il valore-obiettivo del 2030, servirà “un importo significativo di finanziamenti nazionali pubblici e privati, oltre ai finanziamenti dell’Ue”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Olanda dice no all'obbligo della mascherina: "Inducono un falso senso di sicurezza"

  • Covid, Bruxelles verso il coprifuoco. E i giostrai protestano

  • "Telelavoro fino al 2021", la Svezia punta sullo smart working

  • L'Olanda gli nega l'asilo, siriano 14enne si suicida

  • In Francia mascherine anche all'aperto, i medici: "Assurdo per chi fa jogging"

  • Le Figaro celebra Conte: "Negoziatore di talento, esce rafforzato dalla crisi del Covid"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento