Tra Bruxelles e Vienna torna un treno notturno dopo 16 anni, è l'effetto Greta

Il convoglio ha emissioni dieci volte inferiori a quelle di un volo. L'iniziativa della compagnia nazionale austriaca che punta sulle scelte ambientaliste dei viaggiatori

Foto Ansa EPA/RUBEN NEUGEBAUER

Erano 16 anni che questo servizio era stato sospeso, ma adesso sarà possibile di nuovo spostarsi viaggiare di notte in treno dalla capitale del Belgio a quella dell'Austria. A Bruxelles è stato inaugurato il 'Nighjet' che d'ora in avanti collegherà la città con Vienna. Un apparente ritorno al passato che, però, ha poco a che fare con la nostalgia di chi ricorda con romanticismo i lunghi viaggi in cuccetta prima dell'arrivo delle compagnie aeree low-cost. La scelta di far rivivere i treni notturni guarda invece al futuro sostenibile della mobilità ed è l'effetto della pressione dell'opinione pubblica per avere mezzi di trasporto meno inquinanti degli aerei. Una sorta di 'effetto Greta Thunberg' che da qualche tempo sta accrescendo la coscienza climatica dei viaggiatori, in controtendenza rispetto a quanto si registrava solamente pochi anni fa.

Austria verso le emissioni zero

È stata la austriaca Oestrreichischen Bundesbahnen (OBB) a voler scommettere su questo servizio che alla partenza del primo viaggio è stato celebrato con la nona sinfonia di Ludwig van Beethoven, l'Inno alla gioia che è anche l'inno dell'Unione europea. A bordo del convoglio una decina di deputati europei e l'ex segretario generale della Commissione, ora rappresentante dell'Ue in Austria, Martin Selmayr, e sulla fiancata il messaggio #Loveyourplanet, ama il tuo pianeta. L'Austria punta a raggiungere la neutralità carbonica entro il 2040. "Rispetto a Vienna non c'è altra città nell'Ue che ha così tanti treni di notte in partenza e la rete si può ancora estendere", ha spiegato la ministra austriaca dell'Ambiente, Leonore Gewessler. A fine 2016 OBB ha ricomprato la filiale dei treni notturni dal concorrente tedesco Deutsche Bahn e grazie a 27 treni sta moltiplicando l'offerta (la prossima stazione potrebbe essere Amsterdam).

Pro e contro

Se è vero che il viaggio su rotaia fra Bruxelles e Vienna produce un quantitativo di CO2 dieci volte inferiore rispetto a quanto prodotto da un aereo sulla stessa tratta, ma dieci volte superiore è però il tempo di percorrenza, visto che invece di circa un'ora e 45 minuti di volo diretto, il viaggiatore dovrà metterne in contro 14 con un arrivo previsto a Bruxelles alle 11. La nuova tratta notturna per ora sarà operativa due volte a settimana e prevederà una quindicina di fermate. Il prezzo parte da 29,90 euro per un posto a sedere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Dal 1 gennaio basterà un ritardo di pagamento di 100 euro per finire nella blacklist delle banche”

  • Partecipa a orgia con 24 uomini, deputato del partito di Orban fermato dalla polizia a Bruxelles

  • Svizzera nuova Svezia? Senza lockdown ha dimezzato i contagi, ma è stato boom di morti

  • Pistola e lingotti d'oro nel comodino del premier bulgaro. Che si difende: “Colpa di una bella donna”

  • "Alexa è antisemita", Amazon apre un'inchiesta sull'assistente virtuale

  • "Tornerò in Russia per portarla verso l’Ue". Navalny lancia la sfida a Putin

Torna su
EuropaToday è in caricamento