Dissesto, Ferrandino (Pd): "Fondi Ue per messa in sicurezza fuori dai vincoli del Patto di stabilità"

L'eurodeputato dem al sindaco di Napoli De Magistris: "Inutile fare polemiche con la Protezione civile, problema è pianificare una strategia e degli investimenti coinvolgendo l'Europa"

"In Italia l’89% dei comuni è a rischio dissesto e quasi 6 milioni di persone vivono sotto questa costante minaccia. Sono questi i temi su cui dobbiamo trovare una soluzione, piuttosto che alimentare polemiche sterili con la Protezione civile". Giuseppe Ferrandino, deputato del Partito democratico al Parlamento europeo, commenta cosi' le recenti dichiarazioni del sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, che aveva criticato il lavoro della Protezione civile.

"De Magistris è in carica da 7 anni, si presume che conosca i problemi della città ed abbia gli strumenti per affrontarli e risolverli - dice Ferrandino - C’è però da fare tanto anche in Europa. I vincoli di bilancio della Ue rendono di fatto impossibile attuare una strategia preventiva e dei piani di investimento per la messa in sicurezza dei territori. È su questo che dobbiamo lavorare". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da Strasburgo, dove è in corso la plenaria del Parlamento Ue, Ferrandino lancia un messaggio anche al commissario all'Ambiente Karmenu Vella: "Ho chiesto un incontro al commissario Vella, che di recente ha visitato la Campania - dice - Ci sono diversi temi su cui sarebbe opportuna una riflessione comune, a cominciare dalla Blue Economy. Mi preme però discutere anche dell’articolo 349 del Trattato sul funzionamento dell’Unione (quello riguardante le agevolazioni per le regioni ultraperiferiche dell'Ue, ndr). Sarebbe quantomeno interessante iniziare a ragionare, insieme, su una possibile inclusione delle isole del Mediterraneo nel novero delle isole cui vengono concesse le misure previste dall’articolo", conclude.

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In Svezia non c'è la seconda ondata, l'epidemiologo di Stato: "La nostra strategia è sostenibile"

  • "Chiamatemi Principessa", la figlia illegittima del re vuole i titoli. Ma la Casa reale dice no

  • “Salvini marionetta di Putin”, l'alleato di Berlusconi attacca la Lega

  • La Germania ha deciso: il vaccino per il coronavirus sarà volontario

  • Ryanar taglia il 40% dei voli a ottobre e accusa i governi Ue: "Cattiva gestione della crisi Covid"

  • I profitti sono cresciuti del 35%, ma Amazon paga solo il 3% di tasse in più

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento