"Lo smog aumenta la mortalità del coronavirus", l'allarme degli esperti Ue

Lo sostiene l'Epha, l'alleanza europea per la salute pubblica. Sotto accusa l'inquinamento atmosferico provocato dai veicoli a benzina e diesel. La Pianura padana citata come caso emblematico

Laddove i livelli di inquinamento atmosferico provocato dai veicoli a benzina e diesel sono più alti, è probabile che anche il tasso di mortalità del nuovo coronavirus sia maggiore. E la Lombardia potrebbe essere una prova di questo legame. E' quanto sostengono gli esperti dell'Epha, l'Alleanza europea per la salute pubblica.

Il legame tra smog e coronavirus

Secondo l'Epha, lo smog nelle aree urbane causa ipertensione, diabete e altre malattie respiratorie e questo potrebbe portare a un maggior numero di morti complessive. Si tratta di ipotesi, attenzione, perché di fatto mancano ancora studi scientificamente validi sull'epidemia in corso. Ma vi sono dei precedenti che possono far pensare a un legame stretto tra smog e mortalità da Covid19.

Secondo uno studio del 2003 sulle vittime del coronavirus Sars, infatti, i pazienti delle regioni con livelli moderati di inquinamento atmosferico avevano l'84% di probabilità in più di morire rispetto a quelli nelle regioni con basso inquinamento atmosferico. "I pazienti con patologie polmonari e cardiache croniche causate o peggiorate dall'esposizione a lungo termine all'inquinamento atmosferico sono meno in grado di combattere le infezioni polmonari e hanno maggiori probabilità di morire - dice Sara De Matteis, docente dell'Università di Cagliari e membro dell'Ers, European respiratory society - Questo è probabilmente anche il caso del Covid-19. Abbassando i livelli di inquinamento atmosferico possiamo aiutare i più vulnerabili nella loro lotta contro questa e tutte le possibili pandemie future", aggiunge.

Il caso della Pianura padana

Che l'inquinamento atmosferico sia il più grande rischio per la salute degli europei lo si sa da tempo. Il problema maggiore è nelle città, secondo l'Agenzia europea per l'ambiente. Il particolato (Pm), il biossido di azoto (No2) e l'ozono a livello del suolo sarebbero la causa di circa 400.000 morti precoci ogni anno. "Un punto di crisi è il Nord Italia, centro dell'epidemia di coronavirus in Europa - sottolinea l'Epha - L'inquinamento urbano da biossido di azoto proviene principalmente dal traffico, in particolare dai veicoli diesel, che sono anche una delle principali fonti di particolato".

La conferma del ruolo del trasporto su ruote sull'inquinamento sono le immagini satellitari dell'Esa di questi giorni, che mostrano un notevole calo dell'inquinamento nella Pianura padana dopo le misure restrittive anti-Covid-19. "L'aria oggi è più pulita ma purtroppo il danno è già stato fatto - dice il segretario generale dell'Epha Sascha Marschang - I governi avrebbero dovuto affrontare l'inquinamento atmosferico cronico molto tempo fa, ma hanno dato la priorità all'economia rispetto alla salute, non prendendo provvedimenti contro l'industria automobilistica. Una volta che questa crisi sarà finita, i politici dovrebbero accelerare le misure per eliminare i veicoli sporchi dalle nostre strade. La scienza ci dice che epidemie come Covid-19 si verificheranno con frequenza crescente. Quindi rendere meno inquinate le strade è un investimento di base per un futuro più sano”, conclude.

Le emissioni dei motori a benzina e diesel erano ancora a livelli "pericolosi" che potevano mettere in pericolo i più vulnerabili durante questa e le future pandemie, ha affermato la European Respiratory Society (EPS), che è membro dell'EPHA.

"I pazienti con patologie polmonari e cardiache croniche causate o peggiorate dall'esposizione a lungo termine all'inquinamento atmosferico sono meno in grado di combattere le infezioni polmonari e hanno maggiori probabilità di morire", ha detto la membro dell'EPS Sara De Matteis.

"Questo è probabilmente anche il caso di COVID-19", ha aggiunto de Matteis, che è anche professore associato di medicina del lavoro e ambientale presso l'Università di Cagliari.

Finora il virus ha infettato oltre 168.000 persone e ucciso oltre 6.500 in tutto il mondo.

Diverse nazioni europee hanno implementato misure senza precedenti per prevenire la diffusione della malattia e consentire ai sistemi sanitari di curare i pazienti.

Sebbene attualmente non vi sia alcun legame comprovato tra mortalità COVID-19 e inquinamento atmosferico, uno studio peer-reviewed sull'epidemia di SARS del 2003 ha mostrato che i pazienti nelle regioni con livelli moderati di inquinamento atmosferico avevano l'84% di probabilità in più di morire rispetto a quelli nelle regioni a bassa aria inquinamento.

COVID-19 è simile alla SARS e può causare insufficienza respiratoria nei casi più gravi.

I dati sulla mortalità per COVID-19 sono incompleti, ma i numeri preliminari mostrano che la maggior parte dei pazienti che muoiono sono anziani o hanno condizioni croniche preesistenti come malattie cardiache o polmonari.

Secondo l'Agenzia europea dell'ambiente, l'inquinamento atmosferico provoca circa 400.000 morti precoci in tutto il continente ogni anno, nonostante le direttive sulla qualità dell'aria dell'Unione europea.

Un hotspot COVID-19, nel nord Italia, ha livelli particolarmente elevati di PM10 - particelle microscopiche di inquinamento dovute in gran parte al traffico stradale.

Il numero di vittime in Italia è aumentato da 368 a 1.809 domenica - più della metà di tutti i casi registrati al di fuori della Cina.

"Pulisci le strade"

Uno studio pubblicato la scorsa settimana sulla rivista Cardiovascular Research ha affermato che l'inquinamento atmosferico accorcia la vita in tutto il mondo di circa tre anni in media e provoca 8,8 milioni di morti premature ogni anno.

L'arresto nel nord Italia ha infatti portato a una significativa riduzione dell'ossido nitroso e del piccolo particolato nell'aria, secondo i dati satellitari.

Il segretario generale ad interim dell'EPHA Sascha Marschang ha affermato che i governi devono dare la priorità alla riduzione dei veicoli inquinanti per evitare morti inutili durante i futuri focolai.

"I governi avrebbero dovuto contrastare l'inquinamento atmosferico cronico molto tempo fa, ma avrebbero privilegiato l'economia rispetto alla salute andando a fondo nell'industria automobilistica", ha affermato.

"La scienza ci dice che epidemie come COVID-19 si verificheranno con frequenza crescente", ha aggiunto.

"Quindi ripulire le strade è un investimento di base per un futuro più sano."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Dal 1 gennaio basterà un ritardo di pagamento di 100 euro per finire nella blacklist delle banche”

  • George Clooney attacca Orban: “In Ungheria solo rabbia e odio”. La replica: “Consigliato da Soros”

  • Partecipa a orgia con 24 uomini, deputato del partito di Orban fermato dalla polizia a Bruxelles

  • "Alexa è antisemita", Amazon apre un'inchiesta sull'assistente virtuale

  • Pistola e lingotti d'oro nel comodino del premier bulgaro. Che si difende: “Colpa di una bella donna”

  • "Tornerò in Russia per portarla verso l’Ue". Navalny lancia la sfida a Putin

Torna su
EuropaToday è in caricamento