Il Covid non ferma le auto ecologiche, durante la pandemia raddoppiano le quote di mercato

Il crollo nelle vendite dei veicoli ecologici è stato di gran lunga inferiore a quello dei veicoli a benzina e gas, facendo segnare un forte balzo in avanti nelle preferenze complessive

Il mercato automobilistico è stato colpito duramente dalla crisi dovuta alla pandemia di coronavirus, ma a quanto pare il settore delle auto elettriche e ibride ha retto il colpo molto meglio degli altri.

Dal 7 al 17% del mercato

Secondo i dati raccolti dagli analisti del settore Jato Dynamics, le auto ecologiche hanno addirittura guadagnato terreno tra gli acquirenti europei ad aprile nonostante il lockdown. I veicoli elettrici a batteria e le auto ibride hanno rappresentato il 17% delle vendite in tutti i mercati Ue ad aprile, incluso il Regno Unito, una percentuale più del doppio della quota di mercato del 7% raggiunta nell'aprile dello scorso anno. Le vendite totali di auto, compresi i modelli a benzina e diesel, sono diminuite dai 1,34 milioni nell'aprile 2019 a 292.600 veicoli nell'aprile scorso, il livello più basso dagli anni '70, ha rilevato Jato, secondo cui però le vendite di auto elettriche a batteria sono diminuite del 29%, una cifra molto più bassa rispetto al 78% registrato nel mercato complessivo, dove le vendite di auto a benzina e diesel sono invece crollate. Addirittura le vendite di auto ibride sarebbero aumentate del 7%.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli investimenti di Volkswagen

E la Volkswagen sembra aver capito questo trend e per questo ha deciso di fare un forte investimento nel settore. La casa automobilistica tedesca ha annunciato un piano in Cina da 2,1 miliardi di euro per sviluppare l'attività di produzione dei veicoli elettrici dell'azienda. Secondo un accordo firmato a Pechino investirà un miliardo di euro per acquisire il 50% della JAG, società madre della Anhui Jianghuai Automobile Group Corp. Ltd. (JAC Motors), aumentando fino al 75% la propria partecipazione nella joint venture JAC Volkswagen. Un altro investimento da 1,1 miliardi di euro permetterà poi alla Volkswagen di acquisire la quota di maggioranza, pari al 26,47% delle azioni, della Gotion High-tech Co. Ltd., un'azienda produttrice di batterie elettriche con sede a Hefei. Volkswagen sarà così la prima casa automobilistica straniera a investire direttamente in un'azienda cinese che produce batterie per veicoli elettrici. Secondo la Gotion, l'acquisizione dovrebbe essere completata entro la fine di quest'anno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Basta cliché sugli italiani, hanno fatto più sacrifici di tedeschi e olandesi"

  • "Troppo spazio alle rinnovabili", Eni e ArcelorMittal contro il piano Ue sull'idrogeno

  • Premier olandese: "L'Italia impari a farcela da sola". Conte: è quello che faremo

  • La Svezia lancia una commissione d'inchiesta sulla strategia dell'immunità di gregge

  • "Olanda, Lussemburgo e Irlanda fanno perdere all'Italia 8 miliardi l'anno"

  • Starmer, nuovo leader del Labour, caccia la delfina di Corbyn e rompe con la sinistra

Torna su
EuropaToday è in caricamento