menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Clima, anche la Russia aderisce all’Accordo di Parigi

Non si tratta di una ratifica a pieno titolo ma il Cremlino assicura di avere già messo sul tavolo un piano per ridurre le emissioni di gas serra

Se gli Stati Uniti di Donald Trump se ne sono tirati fuori, adesso a sorpresa è la Russia di Vladimir Putin invece ad aderire agli accordi di Parigi sul Clima. Il primo ministro russo, Dmitri Medvedev, ha annunciato di aver firmato la risoluzione del Governo sull'adozione dell'accordo. Pur non trattandosi di una ratifica vera e propria, Mosca si impegna in questo modo a ridurre la dipendenza da fonti combustibili fossili. Al momento, la Federazione Russa è il quarto Paese al mondo per emissioni di gas serra, ma - assicura il Cremlino - un piano per contenere l’inquinamento dell’aria sarebbe già allo studio del ministero dell’Economia. “È importante e utile ma richiede investimenti piuttosto significativi”, ha dichiarato Medvedev in merito all'Accordo sottoscritto.

I rischi per l'ambiente 

“La minaccia dei cambiamenti climatici - prosegue il braccio destro di Putin - potrebbe compromettere l'equilibrio ambientale e mettere a rischio lo sviluppo di molti settori chiave, come l’agricoltura”. Medvedev ha poi riferito di aver già ordinato di elaborare regolamenti per adeguare l'Accordo di Parigi alla legge russa. 

Le reazioni

Tra i primi a congratularsi della decisione di sposare la causa ambientalista, Greenpeace Russia ha commentato con soddisfazione la decisione del Governo. “Il nostro Paese ha un enorme margine di riduzione delle emissioni di gas serra ”, ha commentato Vasily Yablokov, rappresentante russo dell'associazione ambientalista. “Quest'anno in Russia si sono verificati incendi e inondazioni catastrofiche - si legge in un comunicato degli ambientalisti - e le conseguenze dei cambiamenti climatici sono diventate evidenti a tutti i russi”.

Gli impegni del Governo 

Secondo il vice-premier, Aleksei Gordeyev, un primo documento di riduzione delle emissioni sarà pronto entro il 2020. “La ratifica dell'Accordo renderà la Russia uno dei partecipanti a pieno titolo del processo di formazione dell'agenda climatica globale”, ha aggiunto Gordeyev. “Strategie di lungo termine per ridurre i livelli di gas serra fino al 2050 saranno redatte entro quest’anno”, ha concluso il vicepremier. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento