rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Transizione ecologica / Cile

Il Cile vuole portare il suo idrogeno verde in Europa (via Rotterdam)

Il Paese sudamericano ha elaborato il progetto insieme all'Olanda: "Produciamo 75 volte l'energia che consumiamo. Ed è rinnovabile"

L'idrogeno verde prodotto in Sudamerica potrebbe presto arrivare in Europa. È questo il progetto a cui stanno lavorando Cile e Paesi Bassi e che sarà discusso la prossima settimana nel corso di "Mission HV", summit al quale parteciperanno i maggiori attori energetici europei, tra cui l'italiana Enel.

Il Cile, considerato una delle economia sudamericane più dinamiche, sta puntando con forza sulla produzione di energia da fonti rinnovabili. Il Paese vanta la radiazione solare più forte del pianeta nonché venti on-shore (cioè sulla terraferma) che competono, in velocità, con i potenziali off-shore (al largo della costa) di altre aree geografiche. "Questo permette al Cile di produrre in maniera sostenibile oltre 1800 Gw di energia rinnovabile, una quantità che eccede il fabbisogno domestico di circa 75 volte", si legge in una nota di ProChile, agenzia del governo andino. Nel 2020, Santiago ha lanciato la Strategia nazionale di idrogeno verde, che prevede "una roadmap per diventare il leader mondiale nella produzione di idrogeno per elettrolisi entro il 2030, producendo l’idrogeno verde mantenendone il prezzo a livelli fortemente competitivi, al di sotto di 1,5 dollari al kg".

Propositi che avrebbero catturato le attenzioni dell'Olanda, con il porto di Rotterdam a candidarsi come terminale del corridoio transoceanico e hub per la sua distribuzione nel Vecchio Continente. Da Rotterdam, che è il porto più grande d’Europa, "entra circa il 13% di tutta l’energia utilizzata in Europa", si legge nella nota. Il governo olandese intende mantenere il primato logistico del Paese, e la strategia nazionale dell’idrogeno è strumentale ad Amsterdam per porsi come la principale piattaforma europea per l’importazione di fonti energetiche a bassa emissione di carbonio. Non a caso, proprio Rotterdam ha già sottoscritto accordi per l'import e la produzione di idrogeno con altri Paesi, dalla Germania all'Islanda. 

Ecco perché all'incontro "Mission HV" soni attesi i rappresentanti di alcune delle aziende europee più importanti nel settore dell’energia, come Engie, Total, Enel, Siemens, Rwe, Austria energy, Linde e Statkraft. Perché il sogno cileno vada in porto (è proprio il caso di dirlo), occorre creare le condizioni infrastrutturali: “La nostra capacità di diventare un esportatore di energia rinnovabile dipende dalla creazione di una nuova infrastruttura di produzione, stoccaggio e trasporto che ci permetta di sfruttare al massimo le condizioni naturali del Cile”, ha dichiarato Marcelo Villagrán, direttore della sezione olandese di ProChile e responsabile di Hydrogen for Europe. E ha aggiunto: “Lo sviluppo di questa nuova industria è una grande sfida che richiede importanti investimenti industriali e sviluppi tecnologici. Lavorare mano nella mano con le parti interessate europee è fondamentale per attirare gli investitori e gli sviluppatori, ma anche per garantire che le norme e le certificazioni necessarie per la futura esportazione di idrogeno verde e dei suoi derivati saranno soddisfatte”. 

“La strategia olandese per l’idrogeno prevede le importazioni e per questo motivo stiamo sviluppando l’infrastruttura per ricevere e distribuire energia pulita in tutta Europa”, ha spiegato Monica Swanson dell’International hydrogen al porto di Rotterdam. “Ma inoltre vogliamo collegare i principali attori e stabilire partenariati per promuovere progetti legati alla produzione e sostenere così i nostri futuri fornitori. Il Cile è un Paese con un grande potenziale, in particolare nella produzione di idrogeno verde e dei suoi derivati come l’ammoniaca verde, il metanolo e i combustibili sintetici”, ha aggiunto. E si è detta convinta “che il Paese può diventare un fornitore chiave delle fonti di energia del futuro, in grado di soddisfare una parte sostanziale della domanda prevista nei Paesi Bassi ed in altri Paesi europei”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Cile vuole portare il suo idrogeno verde in Europa (via Rotterdam)

Today è in caricamento