menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto archivio Ansa

Foto archivio Ansa

Il Regno Unito vuole sviluppare il primo esercito con carri armati ecologici

Il capo di Stato maggiore: “Dobbiamo guidare il mondo nello sviluppo di equipaggiamenti militari che non siano solo vincenti nelle battaglie ma anche sostenibili”

Le istanze ambientaliste stanno si stanno diffondendo sempre più nel mondo, con i cittadini dei diversi paesi che hanno capito l'importanza della otta ai cambiamenti climatici. Cittadini e imprese stanno cambiando, seppure lentamente, le proprie abitudini. E adesso a quanto pare anche gli eserciti sarebbero pronti a fare la propria parte, o almeno quello britannico.

Carri armati a energia solare

Il Regno Unito sta pensando di sostituire i suoi attuali mezzi alimentati a carburanti fossili con veicoli e carri armati alimentati a energia pulita, come quella solare. Parlando alla alla fiera Defence & Security Equipment International, il capo di Stato maggiore, il generale Mark Carleton-Smith, ha sostenuto che "una reputazione filo-ecologista è essenziale per i reclutamenti futuri nelle Forze armate britanniche".

La sfida ecologista

Per il generale “la sfida, e la vera opportunità commerciale, è puntare in alto e guidare il mondo nello sviluppo di equipaggiamenti militari che non siano solo vincenti nelle battaglie ma anche sostenibili dal punto di vista ambientale”. Secondo Carleton-Smith ciò offrirebbe "notevoli vantaggi operativi all'esercito britannico, come la riduzione della nostra resistenza logistica, e porrebbe anche l'esercito dalla parte giusta della discussione ambientale, specialmente agli occhi di quella nuova generazione di reclute che prendono sempre più decisioni di carriera basate su un credenziali ambientali del potenziale datore di lavoro".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Perché l’Italia è il primo Paese Ue a bloccare l’export di vaccini

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento