rotate-mobile
Mercoledì, 5 Ottobre 2022
L'allarme

Bruciare tutte le riserve di fossili inquinerebbe più che dalla rivoluzione industriale ad oggi

Il pianeta ha ancora idrocarburi sufficienti a creare un disastro ecologico irrimediabile con le loro emissioni se venissero estratti e utilizzati. "I governi rispettino i loro impegni climatici"

Bruciare le riserve mondiali di combustibili fossili emetterebbe più emissioni nocive che surriscaldano il pianeta di quante ne siano state prodotte dall'inizio della rivoluzione industriale fino ad oggi, il che porterebbe a un risultato catastrofico per il pianeta. Secondo una nuova analisi, che mostra come sia necessaria una svolta ambientalista della nostra economia, le riserve mondiali di combustibili fossili contengono l'equivalente di 3.500 miliardi di tonnellate di gas serra, che verrebbero rilasciati se utilizzati con il rischio di minare gli obiettivi climatici internazionali. Questa quantità fenomenale corrisponde a ciò che verrebbe rilasciato nell'atmosfera se le riserve di petrolio, gas e carbone fossero completamente prodotte e utilizzate, come si legge in un report globale creato da Carbon Tracker e Global Energy Monitor.

Il report contiene dati su oltre 50mila siti in 89 Paesi, mira a fornire ai leader politici e alla società civile i dati necessari per gestire la graduale uscita da questi combustibili. In particolare, il libro mastro mostra che gli Stati Uniti e la Russia detengono ciascuna riserve di combustibili fossili sufficienti per far esplodere l'intero bilancio globale del carbonio, anche se tutti gli altri Stati avessero immediatamente cessato la produzione, e ciò porterebbe a un riscaldamento pari o superiore a 1,5 gradi centigradi rispetto all'era preindustriale. Tra tutti i Paesi, c'è abbastanza combustibile fossile da far saltare questo budget residuo ben sette volte, spingendo le persone e gli ecosistemi in disastrose ondate di calore, inondazioni, siccità e altri impatti mai visti prima nella storia dell'umanità. I governi hanno concordato di limitare il riscaldamento globale a 1,5 centrigradi ma si sono ampiamente rifiutati di fermare attivamente i nuovi contratti di locazione o di estrazione di combustibili fossili.

"I governi rilasciano nuove licenze o permessi per il carbone completamente svincolati dai loro impegni climatici", ha accusato Mark Campanale, fondatore della Carbon Tracker Initiative, che ha lanciato il nuovo Registro globale dei combustibili fossili insieme al Global Energy Monitor. "È come se un Paese annunciasse di voler seguire una dieta per il cambiamento climatico e di voler mangiare insalata a pranzo, per poi tornare di nascosto in ufficio e consumare una scatola di ciambelle". "Non si è a dieta se ci si abbuffa di ciambelle, ma questo è ciò che sta accadendo con i Paesi e i loro sviluppatori di combustibili fossili". Affinché il mondo abbia una possibilità di evitare un riscaldamento globale di 1,5° C o più, gli scienziati hanno stimato che il mondo può emettere solo da 400 a 500 miliardi di tonnellate in più di gas serra. Ciò comporterebbe una drastica riduzione delle emissioni di circa la metà in questo decennio, prima di azzerarle del tutto entro la metà del secolo.

"Il Global Registry aiuterà i governi, le aziende e gli investitori a prendere decisioni per portare la loro produzione di combustibili fossili in linea con il limite di temperatura di 1,5 gradi e quindi aiutare a prevenire in pratica la scomparsa delle nostre isole", ha sottolineato Simon Kofe, Ministro degli Affari Esteri di Tuvalu , uno degli arcipelaghi del Pacifico minacciato dall'innalzamento delle acque e dal riscaldamento globale. "Ora abbiamo uno strumento che può aiutare a porre fine in modo efficace alla produzione di carbone, petrolio e gas", ha sperato. Nel documento viene anche identificata la più potente fonte di emissioni al mondo: il giacimento petrolifero di Ghawar in Arabia Saudita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bruciare tutte le riserve di fossili inquinerebbe più che dalla rivoluzione industriale ad oggi

Today è in caricamento