menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Triplicate le vendite di auto elettriche, rappresentano più del 10% del mercato europeo

Nel 2019 rappresentavano solo il 3 per cento del totale dei veicoli acquistati. L'obiettivo dell'Unione è di portare questa percentuale al 35/40 per cento entro il 2030

La mobilità europea è sempre più green. Sono sempre più i cittadini dell'Unione che scelgono di acquistare un veicolo elettrico o ibrido, al punto tale che le vendite di queste automobili sono triplicate lo scorso anno, arrivando a rappresentare il 10,5 per cento del mercato nel 2020, mentre nel 2019 erano solo il tre per cento.

Gli obiettivi Ue

Il balzo delle vendite di veicoli elettrici fa ben sperare sulla possibilità che si possa raggiungere l'obiettivo fissato da Bruxelles per il 2030 di arrivare a una quota di mercato del 35-40 per cento. Come racconta Euractiv poi i veicoli ibridi plug-in hanno conquistato l'11,9% del mercato lo scorso anno, mentre la quota dei veicoli a benzina è scesa a meno del 50%. "Con il giusto supporto politico, compreso un massiccio aumento delle infrastrutture di ricarica e rifornimento per combustibili alternativi in tutti gli Stati membri dell'Ue, questa tendenza positiva può continuare", ha affermato Oliver Zipse, Ceo di Bmw e presidente della European Automobile Manufacturers Association ( Acea). E in alcuni Paesi il supporto dei governi al passaggio a una mobilità verde è già in crescita. In Norvegia i veicoli elettrici sono stati esentati da ogni tassazione e il governo ha fissato l'obiettivo dello stop alla vendita delle auto a combustibili fossili nel 2025, mentre nel Regno Unito Boris Johnson ha fissato l'addio alle vendite di auto a benzina e diesel nel 2035.

I limiti alle emissioni

L'Ue da parte sua ha stabilito standard di emissione sempre più severi per incoraggiare le case automobilistiche a spostare le risorse verso veicoli puliti. Secondo queste regole, le auto devono emettere il 37,5% in meno di Co2 entro il 2030 rispetto al 2021, mentre i furgoni devono raggiungere un calo del 31%. La Commissione europea spera che le sue misure porteranno a 30 milioni di veicoli a emissioni zero sulle strade dell'Unione entro il 2030 e per facilitare questo aumento previsto, l'esecutivo comunitario ha fissato l'obiettivo di aggiungere almeno 2,75 milioni di punti di ricarica in tutto il continente.

La svolta delle case automobilistiche

E anche le case automobilistiche stanno modificando il loro business model per adattarsi ai cambiamenti. Con quasi 600 mila veicoli ecologici venduti, Bmw, Daimler e Volkswagen hanno triplicato le loro vendite l'anno scorso e hanno superato in Europa il re del mercato “green”, Tesla. Dei 5,3 milioni di auto consegnate dal marchio VW lo scorso anno, 212 mila erano esclusivamente alimentate a batteria o ibride, con un aumento del 158 per cento rispetto al 2019.“ "Gli incentivi nazionali hanno aiutato le vendite a raccogliere slancio di fronte alla pandemia, ma non avremmo avuto molte auto elettriche da acquistare se le case automobilistiche non si fossero affrettate a evitare pesanti multe", ha detto Julia Poliscanova, direttore senior per i veicoli puliti della Ong Transport & Environment (T&E), riferendosi ai nuovi obiettivi dell'Ue in materia di Co2. Per far continuare questo trend T&E ha chiesto alle istituzioni comunitarie di introdurre obiettivi più ambiziosi per il 2025 per garantire che la fornitura di auto elettriche non "svanisca" il prossimo anno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento