L'Airbus pensa all'idrogeno come carburante per i voli del futuro

Il colosso europeo ha accolto con favore la strategia della Commissione e punta a sviluppare un aereo a emissioni zero che potrebbe decollare già nel 2035

Foto Ansa EPA/ANDY RAIN

Aerei alimentati a idrogeno. Il futuro, neanche troppo lontano, potrebbe essere a emissioni zero per il settore dell'aviazione. La nuova strategia della Commissione europea, che punta porprio su questa fonte di energia, è stata ben accolta dal gigante europeo del settore, la Airbus, che considera questo carburante "una delle tecnologie più promettenti disponibili" per decarbonizzare i viaggi aerei e sta cercando di utilizzarlo come parte dei piani per il lancio di un aereo a emissioni zero entro il 2035.

Come racconta Euractiv l'amministratore delegato della compagnia, Guillaume Faury, ha apprezzato la strategia dell'esecutivo comunitario e ha insistito che l'azienda francese è "impegnata nello sviluppo di voli sostenibili e ritiene che l'idrogeno sia una delle soluzioni più praticabili". Per l'azienda potrebbe essere anche un modo per rilanciarsi dopo la crisi del coronavirus, che l'ha colpita duramente. Diverse migliaia di lavoratori hanno manifestano negli stabilimenti del gruppo a Tolosa per protestare contro i tagli al personale, che prevede la soppressione di cinquemila posti in Francia. L'Airbus ha registrato quasi 300 ordini nel 2020 ma non è riuscita a garantire un'unica vendita nel mese di giugno e ha ancora oltre 7.500 aerei da consegnare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il mese scorso il governo di Emmanuel Macron ha presentato un piano di aiuti di emergenza per il settore da 15 miliardi di euro, nel tentativo di salvaguardare 300mila posti di lavoro a rischio, e il pacchetto comprende anche un fondo di ricerca e sviluppo da 1,5 miliardi di euro. Ma come parte dell'accordo, il governo vorrebbe vedere lo sviluppo di un velivolo a emissioni zero che potrebbe prendere il posto del popolarissimo A320 entro il 2035, suggerendo che i biocarburanti e l'idrogeno sarebbero le opzioni più adatte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rissa tra turisti e polizia, in Belgio accesso alle spiagge limitato ai residenti

  • Scrive "vuoi sposarmi?" con 100 candeline, e la casa prende fuoco

  • Dal punto di vista economico la strategia dell'immunità di gregge in Svezia ha pagato

  • Omicidi e guerre tra narcotrafficanti: in Svezia e Olanda è emergenza criminalità

  • "Le mascherine riducono anche la gravità del coronavirus per chi le indossa"

  • Oltre mille nuovi casi al giorno in Germania, mai così tanti da maggio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento