Obbligo di biocarburanti per gli aerei, così la Norvegia vuole ridurre le emissioni dell’80%

Una nuova legge obbliga le compagnie a rifornirsi con miscele ricavate anche da scarti e grassi vegetali, escluso l’olio di palma. Ma i produttori di biofuels avvertono sui maggiori costi per i consumatori

Entra in vigore a gennaio la nuova legge norvegese che obbligherà le compagnie aeree a rifornire la propria flotta con una miscela che includa almeno lo 0,5% di biocarburanti. Per quanto possa apparire poco incisivo, il provvedimento legislativo ha avuto l’effetto immediato di scatenare la corsa ai carburanti ottenuti da scarti e grassi vegetali, escluso l’olio di palma. Ad eccezione di quest’ultimo, esplicitamente vietato dal Governo di Oslo per ottenere biocarburanti, tutte le altre materie prime rinnovabili dalle quali si può ottenere un’alternativa ai combustibili fossili sono ammesse per raggiungere l’obiettivo di tagliare le emissioni di gas serra dovute al trasporto aereo. 

Meno inquinamento, più costi

I fornitori di biocarburanti sono ottimisti sulle capacità di riduzione dell’inquinamento atmosferico delle nuove miscele, con un taglio delle emissioni di gas serra stimato intorno all’80%. Ma, avvertono le imprese, il biocarburante costa ancora quattro volte le classiche miscele inquinanti.

I piani delle compagnie aeree

Non ci sono molti produttori che forniscono quel tipo di carburante” ha detto a Reuters Rickard Gustafson, amministratore delegato di Scandinavian Airlines. “Abbiamo accesso e possiamo acquistare modeste quantità in questa fase”, ma - fa notare l'Ad - per far volare gli aerei con soli biocarburanti saranno necessari ben altri volumi di produzione e offerta. La compagnia aerea scandinava ha fissato come obiettivo quello di alimentare tutti i suoi voli nazionali con biocarburanti entro il 2030.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'esempio scandinavo

Svezia e Finlandia hanno fatto sapere di voler seguire l’esempio della Norvegia, imponendo livelli minimi di biocarburante nelle miscele per gli aerei, in modo da costringere il mercato a cercare alternative sostenibili.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per l'Ue anche l'Italia è zona rossa: si salva solo la Calabria (che però perde il "bollino" verde)

  • Svezia sicura della sua strategia, elimina anche le restrizioni per anziani e vulnerabili

  • L'Olanda manda i malati di Covid in Germania: "Nelle terapie intensive solo 200 posti ancora liberi"

  • Dopo la Brexit il Regno Unito pensa di espellere i senzatetto stranieri

  • La Corte Ue "salva" il taglio dei vitalizi agli eurodeputati italiani

  • Erdogan su Macron: "Ha problemi mentali". Conte col presidente francese: "Parole inaccettabili"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento