Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Brexit, bagarre al Parlamento Ue: fischi contro Ursula von der Leyen

La presidente della Commissione rende omaggio ai britannici che hanno votato per restare nell'Unione. Protesta del partito di Farage

 

"Se guardo l'emiciclo, i coraggiosi eurodeputati a favore del Remain, posso solo dire che mi dispiace: ci mancherete tanto. Grazie per il vostro coraggio". Sono bastate queste parole, pronunciate dalla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen durante un dibattito al Parlamento di Strasburgo, a far scattare i fischi e le urla dei deputati del Brexit party, la formazione guidata da Nigel Farage

Ai brexiteer duri e puri non è piaciuto l'omaggio reso da von der Leyen a chi si è sempre opposto all'uscita del Regno Unito dall'Ue. E lo hanno fatto sentire, come d'abitudine, con buu e grida nei confronti della presidente dell'Esecutivo comunitario. La quale, senza scomporsi, ha replicato ironicamente: "Non sentiremo mai la mancanza di quelli che strepitano e urlano, senza di voi continueremo a costruire un partentariato con il Regno Unito".

Al di là della bagarre in Aula, nel suo intervento a Strasburgo von der Leyen ha ribadito la posizione dell'Ue in vista dei futuri negoziati sui rapporti commerciali con il Regno Unito: la nuova partnership "dovrà essere la più stretta possibile - ha detto - Sarà chiaramente diversa da quella di oggi: il Regno Unito sarà un Paese terzo. Se non riusciremo a chiudere un accordo entro la fine del 2020 - ha avvertito - avremo davanti a noi un'altra situazione sull'orlo del precipizio. Ciò danneggerebbe chiaramente i nostri interessi. Ma avrebbe un impatto maggiore sul Regno Unito che su di noi". "Alla fine spero che avremo una partnership senza precedenti. Non è la fine di qualcosa, ma l'inizio di un rapporto tra vicini. Voglio che diventiamo buoni vicini con i nostri amici nel Regno Unito. Lunga vita all'Europa", ha concluso.

Potrebbe Interessarti

Torna su
EuropaToday è in caricamento