Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Russia, eurodeputata contro Bruxelles: "Non ci sono prove di interferenze russe nelle elezioni in Europa"

Le parole dell'italiana Barbara Spinelli (Gue) durante un dibattito sui rischi di ingerenza di Mosca al Parlamento Ue

 

"Espressioni quali fake news o post-verità vanno maneggiate con estrema cautela: perchè sono ambigue e perchè rischiano di essere usate a fini di propaganda politica e censura. Metto subito in chiaro che non intendo difendere il regime politico russo. Voglio tuttavia esprimere il mio scetticismo nei confronti della tendenza ad attribuire al Cremlino interferenze sistematiche nelle campagne elettorali in Usa ed Europa". Lo ha detto Barbara Spinelli, eurodeputata del gruppo della Sinistra unitaria (Gue), nel corso di un dibattito al Parlamento Ue a Strasburgo sui rischi di ingerenza della Russia nelle elezioni europee.

Per Spinelli "Non esistono prove di tali interferenze, ma solo smentite venute dal Wisconsin, dalla California, dall'Agenzia francese per la Cybersicurezza o dal Digital Society Institute di Berlino. Le fake news non sono inoltre imputabili solo a internet. Nella guerra in Iraq - ha quindi ricordato - fu la stampa mainstream a diffondere menzogne devastanti sulle armi di distruzione di massa. Non possiamo nasconderci che chi con più veemenza denuncia oggi le notizie false, chiedendo che internet sia censurato, è a sua volta divulgatore di fake news intese a ricominciare una pericolosa guerra fredda con la Russia", ha chiosato Spinelli

Potrebbe Interessarti

Torna su
EuropaToday è in caricamento