Il kebab ai fosfati è salvo, la salute dei consumatori forse no

Per soli 3 voti il Parlamento Ue fa marcia indietro e non blocca il bando dei polifosfati nella conservazione della carne per kebab. "Una cattiva notizia", insorgono le associazioni di consumatori. Forza Italia e AP votano per l'uso dei fosfati.

venditore di kebab a Strasburgo. D'Argenzio

Il kebab è salvo, almeno quello ai fosfati. Per soli tre voti, un soffio, si inceppa a Strasburgo la proposta di blocco avanzata dalla Commissione Salute dello stesso Parlamento europeo: via libera quindi all'uso di acido fosforico, difosfato, trifosfato e polifosfati (E338-452) come conservanti per la carne di montone, agnello, vitello, manzo o pollame usata per farcire durum, doner e gyros.

La Germania, Forza Italia e AP a favore dei fosfati

Per bloccare la proposta di Bruxelles, a favore dell'uso dei fosfati, c'era bisogno della maggioranza assoluta degli eurodeputati a Strasburgo, ossia di 376 voti. Il partito del bando si è fermato a 373. Votano invece per i fosfati i popolari, inclusa la delegazione di Forza Italia e AP, e i conservatori, oltre a qualche liberaldemocratico, euroscettico e socialista e democratico. Fa festa la Germania, primo produttore continentale di carne per kebab, mentre insorgono le associazioni dei consumatori. "Una cattiva notizia" assicura la Beuc, la federazione delle associazioni europee dei consumatori. 

Bruxelles a favore, attesa una valutazione dell'EFSA entro un anno

Secondo la Commissione Ue l’uso dei fosfati è necessario per estrarre e scomporre le proteine della carne e formare una pellicola proteica che lega insieme i pezzi di carne e garantisce un congelamento e una cottura omogenei. Lo scorso 28 novembre la Commissione Salute dell'eurocamera votava invece una proposta più prudente invitando la plenaria a opporsi all'autorizzazione per motivi sanitari, in attesa di uno studio scientifico sugli additivi che l’Autorità europea per la sicurezza alimentare, la famosa EFSA di Parma, dovrà pubblicare entro la fine del 2018.

Fosfati no grazie, la richiesta della Commissione Salute del Parlamento Ue 

Il voto era stato di fatto chiesto per sanare una situazione di incertezze che già da anni si vive in Europa sui prodotti e i preparati a base di carne. Di fatto i fosfati sono già utilizzati in Germania e Repubblica Ceca per la carne congelata da kebab, i famosi spiedoni che vengono messi a crogiolare. La Commissione Ue aveva quindi proposto di permetterne l'uso, sanando una situazione di incertezza, ma sollevando anche le preoccupazioni dei consumatori e dei membri della Commissione Salute del Parlamento Ue. 

Ora etichette chiare, chiedono i consumatori

Arrivati al giorno del giudizio, almeno quello per i fosfati, gli eurodeputati hanno però fatto marcia indietro. Ora la Beuc chiede agli Stati membri di imporre "etichette chiare" ai produttori e venditori di carne per kebab, in modo che i consumatori possano sapere se ci sono o meno fosfati. "Ci sono produttori che riescono a produrre kebab senza fosfati, dovrebbe servire come esempio", insistono le associazioni dei consumatori. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Germania dice no a controllo febbre in aeroporto: "Non serve"

  • Coronavirus una creazione americana? "Fake news partita dalla Russia"

  • Coronavirus, crollano le borse. Il re della finanza: “Meglio per noi"

  • “Il Carnevale è antisemita, sia vietato”, Israele contro i carri di Aalst

  • Coronavirus, Ue contro Salvini: "Deplorevole uso crisi a fini politici"

  • Coronavirus, Lega contro Lega: in Ticino vogliono chiudere la frontiera con la Lombardia

Torna su
EuropaToday è in caricamento