Beghin capo delegazione M5s a Strasburgo: in Europa la priorità è il salario minimo

L'eurodeputata fresca di rielezione detta la linea del Movimento per la prossima legislatura comunitaria

Tiziana Beghin - © European Union - Source : EP

"Ci aspettano cinque anni di grandi sfide: durante la prossima legislatura, che inizia ufficialmente il prossimo 2 luglio, approveremo il bilancio pluriennale dell'Ue e rinegozieremo i regolamenti e le direttive che hanno imposto l'austerity. Sarà una grande occasione di cambiamento e di riscatto per milioni di cittadini. Noi ci saremo. I 14 europarlamentari del M5S difenderanno gli interessi dell'Italia e degli italiani". Così sul 'Blog delle Stelle' Tiziana Beghin, capodelegazione del M5S al Parlamento europeo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La nostra prima battaglia sarà sicuramente quella per trasformare l'Europa nel Continente dei diritti e delle opportunità per tutti. Ecco perché proporremo una direttiva quadro per i salari dignitosi che fissi minimi salariali a livello nazionale. Serve un salario minimo europeo che tuteli i cittadini e difenda le imprese italiane a competere in maniera equa nel mercato europeo. Salari più bassi, soprattutto nei Paesi del'Est, possono creare la tentazione per alcune multinazionali di delocalizzare la propria attività trasferendola dove il lavoro costa meno. Questo è successo troppe volte in passato e non deve accadere più", conclude Beghin.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In 3 minuti Uber licenzia 3.500 persone. Con un videomessaggio

  • L'Austria alza un muro con l'Italia: "Non apriremo confini, non ha il controllo del coronavirus"

  • Basta dumping fiscale, Bruxelles contro Olanda, Irlanda e altri 4 Paesi Ue

  • L'alleata tedesca di Salvini: "Italia avida, no aiuti a fondo perduto"

  • "Chi ha perso il lavoro con il coronavirus diventi infermiere", la proposta della ministra belga

  • Olanda e Austria contro gli aiuti Ue all'Italia: "Concederemo solo prestiti"

Torna su
EuropaToday è in caricamento