L'economia Ue rallenta? Draghi: colpa (anche) dell'Italia

Per il presidente della Bce, il nostro Paese è tra gli imputati della situazione di difficoltà dell'Eurozona. Ma c'è anche la crisi che ha colpito il comparto automobilistico in Germania

L'ultimo campanello di allarme è arrivato dall'Ocse, che ha rivisto al ribasso le previsioni di crescita dell'Eurozona, persino dimezzando quelle della Germania. La recessione è dietro l'angolo e sul banco degli imputati, secondo il presidente della Bce Mario Draghi, c'è l'Italia.

Durante una conferenza stampa, infatti, Draghi ha osservato che nell'Eurozona "c'è un calo della fiducia che si riflette nei vari settori e nei vari Paesi". Tra i fattori interni, ha fatto l'esempio della crisi che ha colpito il comparto automobilistico in Germania. "Ma ci sono anche altri fattori" ha aggiunto dicendo che "uno dei questi è certamente l'Italia".

Tra i fattori esterni, invece, il presidente della Bce cita "soprattutto il rallentamento del commercio mondiale, quello della Cina, le vulnerabilità di alcune economie emergenti, il potenziale rallentamento degli Usa e in generale una minore fiducia dei mercati" che "si è trasmessa" anche all'interno della zona dell'euro". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Naufragio fece 1000 morti, Corte Ue: “Italia risarcisca”

  • Nuovi diesel sotto accusa: “Inquinano fino a 1000 volte quanto dichiarato dai test ufficiali”

  • “Vietata la bandiera italiana al Parlamento europeo”, la Lega attacca Sassoli

  • Smog, Italia è il secondo Paese Ue più inquinato dopo la Romania

  • Aereo abbattuto a Teheran per errore, sei i precedenti dal 1973

  • "Proteggere le giovani donne dall'immigrazione": Austria verso stop a velo nelle scuole

Torna su
EuropaToday è in caricamento