Manovra, Ue in pressing sull'Italia: procedura d'infrazione prima del voto del Parlamento

La mossa di Bruxelles è stata confermata da diverse fonti comunitarie e potrebbe servire a mettere pressione sui deputati

La tempistica come nuovo elemento di tensione tra Roma e Bruxelles. Già dalle prossime settimane, prima ancora dell’ok definitivo del Parlamento italiano sulla manovra, la Commissione europea potrebbe far partire la procedura d'infrazione nei confronti dell’Italia per il mancato rispetto delle regole comunitarie sui bilanci. Un modo questo per mettere pressione ai deputati che dovranno dare il via libera alla prima legge di bilancio dell'esecutivo Lega-M5s.

L’eccessivo deficit, unito all'alto debito pubblico, e le dichiarazioni dei maggiori esponenti del governo Conte avrebbero convinto la Commissione a reagire in maniera spedita, per andare a mettere pressione sui parlamentari italiani, che proprio a dicembre saranno chiamati a votare a favore o contro la bozza di bilancio per il 2019 presentata dall’Esecutivo. 

Ad annunciare la fuga in avanti della Commissione guidata da Jean-Claude Juncker sono stati l’agenzia Reuters e Politico.eu, che si basano sulle dichiarazioni di alcuni funzionari europei e su un documento, di cui hanno preso visione, che darebbe il via libera del Consiglio dell’Ue alla richiesta di attivazione della procedura già nei prossimi giorni.  Nel frattempo, il vicepresidente della Commissione europea Valdis Dombrovskis, ha confermato la necessità che “il governo italiano corregga il proprio corso per quanto riguarda le politiche fiscali e macroeconomiche perché la direzione attuale sembra essere controproducente”.

L’appoggio da parte dei governi Ue permetterebbe alla Commissione di aprire la procedura disciplinare, che potrebbe concludersi con un conto salatissimo per l’Italia: una multa fino allo 0,5% del Pil, che corrisponde a circa 9 miliardi di euro.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Chiaramente, se l'Italia dovrà cacciare fuori lo 0,5% del PIL, il deficit programmato risulterà del 2,9%. L'Europa dice di preoccuparsi per i risparmiatori e le imprese italiane, per il rischio di "contagio" da parte di Paesi con eccessivo deficitdebito, ma non ha il benchè minimo scrupolo nel fare aumentare il deficit, danneggiando pesantemente il Paese. L'Europa si lamente del fatto che si è fatto un uso eccessivo del deficit, e vorrebbe rimediare... con ulteriore deficit!. Con la "trascurabile" differenza che il deficit previsto dalla legge di bilancio andrebbe, in un modo o in un altro, a vantaggio dei cittadini, mentre la sanzione economica i soldi ai cittadini li toglie... se qualcuno manifesta ancora dei dubbi sulle inequivocabili motivazioni POLITICHE che spingono l'Europa, o è un perfetto idiota, o è in malafede. In caso e nell'altro non dovrebbe MAI venire ascoltato.

  • Comportamento ostile

Notizie di oggi

  • Fake & Fact

    Così i gruppi di Facebook vengono usati per diffondere fake news sui vaccini

  • Attualità

    Disneyland Parigi avrà il suo Gay Pride: arriva il Magical Pride

  • Attualità

    Di Maio lancia la corsa 5 Stelle per l'Europa. E scarica un pezzo dei gilet gialli

  • Lavoro

    "Prima i cinesi", Lega e M5s contrari allo scudo Ue anti-Pechino sugli investimenti

I più letti della settimana

  • Ikea apre ai mobili di seconda mano. Per promuovere l'economia circolare

  • Aula quasi vuota per Conte a Strasburgo, Verhofstadt: "Burattino di Salvini e Di Maio"

  • Berlino teme di perdere 100 mila posti di lavoro. “Colpa della hard Brexit”

  • Adesso Francia e Germania vogliono togliere poteri all'Ue

  • Calenda difende Conte: "Non accetto attacchi alla dignità del mio Paese"

  • "Prima i cinesi", Lega e M5s contrari allo scudo Ue anti-Pechino sugli investimenti

Torna su
EuropaToday è in caricamento