Precari nelle scuole, in Italia sono il doppio rispetto al resto d’Europa

Il mercato del lavoro Ue offre sempre meno contratti a tempo indeterminato mentre aumenta il numero dei part-time, freelance e posizioni a termine. L’incertezza per il futuro colpisce soprattutto il personale docente

L’incertezza per il futuro caratterizza sempre di più il lavoro dei docenti italiani, costretti a preoccuparsi più del proprio destino che di quello degli studenti. È quanto emerge dai dati diffusi dal centro studi Anief (Associazione nazionale insegnati e formatori), che mette in evidenza la carenza di contratti a tempo indeterminato nel mondo della scuola, dove in Italia la percentuale dei precari (30%) è il doppio rispetto a quella europea, che si attesta tra il 13 e il 15%. Con riferimento all’anno scolastico 2010/11, si è passati da 115mila supplenze annuali, o al termine delle attività didattiche, alle attuali 205mila

Un'Europa sempre più precaria

La trasformazione del rapporto di lavoro nelle scuole da tempo indeterminato ai contratti a scadenza è una tendenza ormai consolidata anche in altri settori, seppure con numeri meno allarmanti. In tutta l'Unione europea i contratti a tempo indeterminato full-time sono scesi dal 62% nel 2003 al 59% nel 2014

L’attuale percentuale dei contratti a tempo determinato è del 7%, più o meno la stessa per i contratti part-time, mentre i cosiddetti freelance e autonomi rappresentano ormai il 10% della forza lavoro europea.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Manodopera irregolare

Le rilevazioni riferite all’anno 2016 dicono anche che il 4% dei cittadini Ue ammette di aver svolto un lavoro non in regola o in nero negli ultimi 12 mesi, anche se tale percentuale va presa con le pinze, considerando il possibile timore della manodopera irregolare a rispondere con sincerità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Finlandia dice addio alla svastica: per un secolo è stata il simbolo delle sue forze aeree

  • Addio diesel, Volkswagen riconverte in ecologica la sua principale fabbrica tedesca

  • L'Olanda fornisce aiuti economici alle ex colonie, ma pretende in cambio austerità

  • Balneari, Bruxelles contro l'Italia: "No a proroga concessioni"

  • Lisbona riconvertirà le case di Airbnb in appartamenti per i lavoratori chiave

  • Merkel: senza accordo tra Germania e Francia l'Ue non va da nessuna parte

Torna su
EuropaToday è in caricamento