Con la paga non si arriva a fine mese: in Italia aumentano i lavoratori “poveri”

Sono l'11,7% della forza lavoro, ben sopra la media Ue. In un anno la crescita è stata del 23%. E secondo il Censis, 5,7 milioni di giovani rischiano di ritrovarsi con pensioni da fame

Una protesta dei precari del Cnr / ANSA/MAURIZIO BRAMBATTI

In Italia, quasi 12 lavoratori ogni 100 non guadagnano abbastanza, tanto da essere a rischio povertà nonostante ricevano uno stipendio. In inglese si chiamano “working poor”, lavoratori poveri, e la fredda percentuale dell'Eurostat dice che sono l'11,7% della forza lavoro, ben sopra la media Ue del 9,6%.

Ma quello che allarma di più è l'aumento record registrato tra il 2015 e il 2016 nel nostro paese: oltre il 23%. A cui aggiungere le prospettive di vita: stando ai dati attuali, secondo il Censis, ben 5,7 milioni di giovani (precari, neet, working poor e in “lavoro gabbia”) rischiano di avere nel 2050 pensioni sotto la soglia di povertà.

“Rischiamo di perdere un'intera generazione”

“Queste condizioni hanno attivato una bomba sociale che va disinnescata. Lavoro e povertà - dice Maurizio Gardini, presidente di Confcooperative - sono due emergenze sulle quali chiediamo al futuro governo di impegnarsi con determinazione per un patto intergenerazionale che garantisca ai figli le stesse opportunità dei padri. Dobbiamo recuperare 3 milioni di neet (disoccupati che non studiano o fanno formazione, ndr) e offrire condizioni di lavoro dignitoso ai 2,7 milioni di lavoratori poveri. Rischiamo di perdere un'intera generazione”.

Gli uomini più a rischio delle donne

Tornando alle statistiche Eurostat sui lavoratori poveri, l'Italia è tra i Ppaesi Ue con i livelli più alti: peggio di noi solo la Romania (18,9%), Grecia (14,1%), Spagna (13,1%), Lussemburgo (12%). Fanno meglio Bulgaria (11,4%), Portogallo (10,9%) e Polonia (10,8%). I più virtuosi, con meno del 5% di persone disoccupate a rischio povertà, sono la Finlandia (3,1%), la Repubblica Ceca (3,8%), il Belgio (4,7%) e l'Irlanda (4,8%). 

Il rischio povertà è fortemente influenzato dal tipo di contratto: il dato raddoppia per coloro che lavorano part-time (15,8%) rispetto a quelli con un'occupazione full time (7,8%) ed è almeno tre volte più alto per quelli che hanno un impiego temporaneo (16,2%) rispetto a chi ha un contratto fisso (5,8%). Gli uomini (10%) sono leggermente più a rischio povertà rispetto alle donne (9,1%). 

Le pensioni 

Per quanto riguarda lo studio del Censis sulle pensioni, il quadro che emerge è quello di una discriminazione tra generazioni. Già oggi, il confronto fra la pensione di un padre e quella prevedibile del proprio figlio segnala una decisa divaricazione del 14,6%. Il sistema previdenziale obbligatorio attuale garantisce a un ex dipendente con carriera continuativa, 38 anni di contributi versati e uscita dal lavoro nel 2010 a 65 anni, una pensione pari all'84,3% dell'ultima retribuzione. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A un giovane che ha iniziato a lavorare nel 2012 a 29 anni, per il quale si prefigura una carriera continuativa come dipendente, 38 anni di contribuzione e uscita dal lavoro nel 2050 a 67 anni, il rapporto fra pensione futura e ultima retribuzione si dovrebbe fermare al 69,7%, quasi quindici punti percentuali in meno. Questo nella migliore delle ipotesi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In 3 minuti Uber licenzia 3.500 persone. Con un videomessaggio

  • L'Austria alza un muro con l'Italia: "Non apriremo confini, non ha il controllo del coronavirus"

  • Basta dumping fiscale, Bruxelles contro Olanda, Irlanda e altri 4 Paesi Ue

  • L'alleata tedesca di Salvini: "Italia avida, no aiuti a fondo perduto"

  • "Chi ha perso il lavoro con il coronavirus diventi infermiere", la proposta della ministra belga

  • Olanda e Austria contro gli aiuti Ue all'Italia: "Concederemo solo prestiti"

Torna su
EuropaToday è in caricamento