L’Ue raddoppia i giorni di congedo per paternità, e apre a due mesi di congedo parentale

Le nuove regole trovate in sede negoziale. Prevista anche la possibilità di flessibilità lavorativa

Buone notizie per i novelli papà di tutta Europa: a breve godranno di un congedo più lungo, a cui si aggiunge un periodo di congedo parentale retribuito. Le nuove regole sono state introdotte al termine del negoziato inter-istituzionale tra Parlamento e Consiglio Ue. Sì, stanno per essere introdotte novità che intendono permettere di conciliare di più e meglio carriera e vita privata. E l’ha voluto l’Europa.

Giorni retribuiti

Il primo dei principali cambiamenti è l’aumento da cinque a dieci giorni lavorati del congedo di paternità retribuito per i padri e i genitori secondari equivalenti (laddove un secondo genitore è riconosciuto dalla legislazione nazionale) al momento della nascita o dell'adozione del figlio. Un periodo che deve essere pagato “non meno” del livello dell’indennità di malattia.

Viene poi stabilito il diritto a due mesi di congedo parentale non trasferibile e retribuito. Spetterà agli Stati membri fissare “un livello adeguato” di pagamento o indennità, vale a dire tale da “consentire un tenore di vita dignitoso”, così da incoraggiare entrambi i genitori a prendere congedo. Su richiesta dei ministri degli Stati membri, è stato previsto che a livello nazionale un lavoratore riceverà un pagamento o un'indennità di “almeno il 65% della retribuzione netta”, per almeno 6 mesi di congedo parentale per ciascun genitore.

Maggiore flessibilità lavorativa

Prevista infine maggiore flessibilità lavorativa. I genitori possono richiedere un adeguamento ai loro modelli di lavoro, compresi, “ove possibile”, orari e turni flessibili e la possibilità di lavorare da casa. Le nuove proposte dovranno essere formalmente approvate dalla plenaria e dal Consiglio. Le nuove regole sul congedo di paternità entreranno dopo tre anni dal via libera, quelle sul congedo parentale dopo cinque anni.

Potrebbe interessarti

  • Macron adesso 'difende' Conte: "Nessun Paese Ue si immischi sui conti dell'Italia"

  • "Il bollo auto è discriminatorio e illegale", la Corte Ue condanna la Germania

  • Caos spiagge, governo e stabilimenti contro la Bolkestein. Ma un pezzo d'Italia sta con l'Ue

  • No al Manneken Pis vestito da Michael Jackson, Bruxelles cambia idea dopo le polemiche

I più letti della settimana

  • Macron adesso 'difende' Conte: "Nessun Paese Ue si immischi sui conti dell'Italia"

  • Caos spiagge, governo e stabilimenti contro la Bolkestein. Ma un pezzo d'Italia sta con l'Ue

  • Riscaldamento globale, l’Onu avverte: “Si va verso l’apartheid climatico”

  • No al Manneken Pis vestito da Michael Jackson, Bruxelles cambia idea dopo le polemiche

  • "Scoppia bomba alla Commissione Ue": la protesta degli ambientalisti a Bruxelles

  • Standing ovation per Draghi dai leader Ue. Conte: "Orgoglioso di lui"

Torna su
EuropaToday è in caricamento