Fondi Ue a rischio, Bruxelles scrive a Lezzi: "Pronti ad aiutarvi, ma attenersi alle regole"

L'Italia è in grave ritardo nella spesa dei fondi strutturali e le Regioni del Sud potrebbero perdere parte delle risorse assegnate. La commissaria europea Corina Cretu apre alla richiesta del governo gialloverde di aumentare la quota di cofinanziamento comunitaria

Le regioni italiane, in particolare quelle del Sud, sono in grave ritardo con la spesa dei fondi strutturali europeia. E cosi' la Commissione Ue apre alla possibilità di aumentare la quota di cofinanziamento dei progetti da parte delle casse di Bruxelles per favorire le regioni in difficoltà e velocizzare la spesa. Lo ha annunciato la commissaria Ue alle Politiche regionali, Corina Cretu, in una lettera inviata alla ministra per il Sud, Barbara Lezzi.   

Era stata infatti la ministra 5 stelle a chiedere, come già fatto in passato dall'Italia, la possibilità di aumentare la quota comunitaria in modo da ridurre quella a carico dello Stato e degli enti locali. In questo modo, le regioni che hanno problemi di bilancio potranno evitare di perdere le risorse a disposizione da qui al 2020, quando scadrà il programma in corso.  

"Sono a conoscenza della richiesta dell'Italia" di aumentare la quota europea di co-finanziamento per i programmi che utilizzano fondi strutturali, ha spiegato Cretu, "la Commissione ha risposto alla lettera" del governo e "sollecita" le autorità italiane a inviare le richieste con le modifiche "il prima possibile". "Siamo qui per aiutare. C'è apertura, ma abbiamo anche delle regole cui dobbiamo attenerci", ha aggiunto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Parlerò con la ministra Lezzi - spiega la commissaria - "per comprendere cosa può essere adottato dalla Commissione entro fine anno. Secondo le regole nazionali - ricorda Cretu - le risorse liberate dalla riduzione della quota di co-finanziamento devono essere usate nello stesso territorio e in linea con gli obiettivi della politica di coesione. La Commissione lo ribadisce nella lettera. Se si vogliono spostare" le risorse "temo occorra passare per il Parlamento europeo". Cretu assicura che col governo "c'è uno scambio continuo". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Premier olandese: "L'Italia impari a farcela da sola". Conte: è quello che faremo

  • "Olanda, Lussemburgo e Irlanda fanno perdere all'Italia 8 miliardi l'anno"

  • La Svezia lancia una commissione d'inchiesta sulla strategia dell'immunità di gregge

  • Starmer, nuovo leader del Labour, caccia la delfina di Corbyn e rompe con la sinistra

  • La Francia chiude la centrale nucleare a rischio costruita ben 43 anni fa

  • Rackete: "Ue usa la scusa del coronavirus per lasciar morire i migranti in mare"

Torna su
EuropaToday è in caricamento