La situazione in Italia non sta migliorando, nuova lettera da Bruxelles

La Commissione Ue chiede nuovi chiarimenti sulla legge di bilancio e sugli impegni per il 2018. Decisione sull'Italia la settimana prossima.

Il vicepresidente della Commissione Ue Jyrki Katainen oggi a Strasburgo

Una richiesta di ulteriori chiarimenti inviata a Roma perché nella Ue è sempre più chiaro che la situazione in Italia non sta migliorando. Ad annunciarlo è il vicepresidente della Commissione europea Jyrki Katainen, esprimendosi al termine della riunione del gabinetto Juncker tenutasi a Strasburgo ed in cui si è discusso del semestre economico europeo. Sul progetto di bilancio per il 2018, ha affermato Katainen, "prenderemo le decisioni la prossima settimana" ma "il fatto è che, e tutti possono vedere i numeri, la situazione in Italia non sta migliorando". 

E così la Commissione ha deciso di inviare all'Italia una nuova lettera chiedendo ulteriori chiarimenti sulla legge di bilancio 2018 e sull'assunzione di impegni per l'anno prossimo. La decisione sul caso italiano sarà presa sulla base di tutti i dati consuntivi del 2017. 

Il quadro non è positivo

Nel 2017, dicono le previsioni di autunno presentate la settimana scorsa a Bruxelles (guarda il documento completo), il PIL italiano crescerà del 1,5% contro lo 0,9% del 2016, la crescita più bassa di tutta la Ue. Un dato comunque in miglioramento che fa il pari con il calo della disoccupazione, che passa da 11,7% a 11,3% nel 2017, con una curva discendente che punta al 10,5% nel 2019. A partire dal prossimo anno è, però, attesa una flessione dell’economia in tutta l’Eurozona, Italia compresa. E il debito pubblico, seppure lievemente, è salito ancora, arrivando a quota 130,1% del Pil (nonostante il deficit in calo).

Ma non mancano le note negative. I salari crescono a rilento e il debito, a dispetto del resto dell’Eurozona, continua a salire. Inoltre, il carico fiscale sulle imprese continua a essere elevato. Anche sugli investimenti un passo indietro: nel 2017 il governo avrà speso per promuovere l’economia il 2,5% del Pil, inferiore al dato del 2016, quando si è attestato al 2,8%. Niente a che vedere con la media dell’Eurozona, il 3,9%. Germania e Francia, tanto per fare due cosi, “spingono” di più di noi sul lato degli investimenti.


 

Allegati

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Si parla dell'esistenza di forti e vecchi intrecci fra corruzione e criminalità organizzata -massomafia- ed alla luce di questo come si fa a pensare ad un miglioramento? Negli ultimi 10 anni la situazione è peggiorata e da un analisi sociale comparata con altri cittadini/e di altri stati membri dell'UE emerge che gli italiani hanno percezioni distorte -errate- sulla realtà interna, vengono etichettati come i più ignoranti, alla luce di questo altro dato significativo come si fa a credere che tutto andrà bene? Vari report -economici, sociali, culturali- dicono negativo.

  • Gufi!

  • Delle 2 l'una o a Bruxelles non sanno leggere le pagine mandate dall'Italia o da noi ci stanno prendendo per il...

Notizie di oggi

  • Attualità

    Europee nel caos per gli italiani all’estero: “Oltre due ore in fila per votare” 

  • Europa Anno Zero - Il podcast

    Al voto ridendo (anche della stessa Ue)

  • Attualità

    Nuove regole europee sui droni: non servirà l'autorizzazione per i più leggeri

  • Attualità

    Portogallo e Grecia, la sinistra anti-austerity alla prova del voto

I più letti della settimana

  • Europee, un pezzo d'Italia al voto per la Romania. E Salvini corteggia i socialisti di Bucarest

  • Elezioni europee, arriva il test per aiutare gli indecisi 

  • Nuove regole europee sui droni: non servirà l'autorizzazione per i più leggeri

  • Migranti, cosa dice la lettera dell'Onu che accusa l'Italia di violazione dei diritti umani

  • Affare saltato sul debito della Grecia, investitori tedeschi perdono causa con la Bce

  • Tir, approvati i nuovi standard per le cabine degli autotrasportatori

Torna su
EuropaToday è in caricamento