In un mese 5mila italiani hanno perso il lavoro

Secondo l'Eurostat, tra marzo e aprile nel Belpaese è cresciuta la disoccupazione, soprattutto giovanile. Nel resto dell'Ue il trend inverso: oltre 100mila nuovi occupati

Tra marzo e aprile l'Italia ha circa 5mila occupati in meno. Un dato in controtendenza con il resto dell'Ue, dove l'occupazione è in crescita, con un saldo positivo di 100mila unità. E' quanto emerge dagli ultimi dati Eurostat, che confermano il Belpaese al terzultimo posto per tasso di disoccupazione in Europa, dopo Grecia e Spagna. 

In realtà, in termini prettamente statistici, il tasso italiano resta invariato al 10,2%. Il calo di occupati, infatti, è leggero ed è trainato soprattutto dall'aumento della disoccupazione giovanile (12mila occupati in meno nel saldo tra marzo e aprile). Diverso il discorso se si allarga lo sguardo all'ultimo anno: tra aprile 2018 e aprile 2019, infatti, l'Italia fa registrare circa 200mila disoccupati in meno. Per trovare un risultato migliore bisogna andare in Spagna, dove il calo è stato di quasi 400mila disoccupati. In Germania, il saldo positivo si è fermato intorno ai 100mila, in Francia poco sotto le 50mila unità.

A livello europeo, il dato registrato complessivamente ad aprile (tasso di disoccupazione del 7,6%) è il più basso dall'agosto 2008. Tra gli Stati membri, i tassi di disoccupazione più bassi sono stati registrati nella Repubblica ceca (2,1%), in Germania (3,2%) e nei Paesi Bassi (3,3%). Il tasso di disoccupazione più elevato è in Grecia (18,5%, ma riferito al febbraio 2019). 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Telecamere sul lavoro? "Non violano privacy, giusti licenziamenti"

  • Macron frena sull'ingresso di Albania e Macedonia nell'Ue: "No all'avvio dei negoziati"

  • Macron contro tutti, Francia unica contraria a Albania e Macedonia del Nord nell’Ue

  • Il crimine non ha genere: ecco le 21 donne più ricercate d'Europa

  • I bunker per le scorie nucleari sono pieni, proteste in Belgio

  • I Paesi più ricchi non vogliono mettere mano al portafoglio per il Bilancio Ue

Torna su
EuropaToday è in caricamento