L'Italia più virtuosa della Germania. In quanto a prestiti non riscossi dallo Stato

Secondo l'Eurostat, il nostro governo meno esposto di quello tedesco ai crediti deteriorati e alle passività. Ma mancano i dati regionali

Sorpresa: il governo italiano è più solido di quello tedesco. Almeno per quel che riguarda i crediti deteriorati, ossia quei prestiti erogati che si fa fatica a riscuotere (o che sono impossibili da recuperare). Le casse pubbliche tricolori risultano infatti meno esposte di quelle tedesche.

I dati Eurostat diffusi oggi mostrano per una volta un modello veramente virtuoso: la quota italiana di crediti in sofferenza in rapporto al Pil è pari allo 0%. Non c’è nessuna esposizione a rischi, insomma, mentre in Germania qualcosa si potrebbe rischiare, visto che il valore non è lo zero assoluto. La quota di debiti deteriorati è pari allo 0,1% del prodotto interno lordo.

Una bella soddisfazione, dunque, di fronte a chi chiede sostenibilità delle finanze pubbliche. Attenti però a festeggiare, perché per l’Italia “non sono disponibili” i dati relativi ai governi locali, fa notare l’istituto di statistica europeo in una nota al documento diffuso. 

A livello comunitario resta la Slovenia lo Stato membro con il più alto livello di crediti deteriorati nel settore pubblico, pari al 4% del Pil. Dietro seguono Portogallo (1,3%) e Cechia (1,1%). Il dato ceco, sottolinea l’istituto di statistica europeo, si riferisce principalmente ai prestiti delle banche di sviluppo nazionali classificati nelle amministrazioni pubbliche e ai prestiti intergovernativi.

L'Italia brilla anche sul fronte delle passività addebitate ad entità controllate dal governo, che pesano per il 55,6% del Pil. Il Paese europeo più esposto la Grecia (119,6%), seguita da Olanda (102,7%), Germania (91,7%) e Lussemburgo (82,5%). 

Potrebbe interessarti

  • Macron adesso 'difende' Conte: "Nessun Paese Ue si immischi sui conti dell'Italia"

  • "Il bollo auto è discriminatorio e illegale", la Corte Ue condanna la Germania

  • Caos spiagge, governo e stabilimenti contro la Bolkestein. Ma un pezzo d'Italia sta con l'Ue

  • No al Manneken Pis vestito da Michael Jackson, Bruxelles cambia idea dopo le polemiche

I più letti della settimana

  • Macron adesso 'difende' Conte: "Nessun Paese Ue si immischi sui conti dell'Italia"

  • Caos spiagge, governo e stabilimenti contro la Bolkestein. Ma un pezzo d'Italia sta con l'Ue

  • Riscaldamento globale, l’Onu avverte: “Si va verso l’apartheid climatico”

  • No al Manneken Pis vestito da Michael Jackson, Bruxelles cambia idea dopo le polemiche

  • "Scoppia bomba alla Commissione Ue": la protesta degli ambientalisti a Bruxelles

  • Standing ovation per Draghi dai leader Ue. Conte: "Orgoglioso di lui"

Torna su
EuropaToday è in caricamento