Aprire un'impresa con un click: la proposta del Parlamento Ue per abbattere la burocrazia

Primo via libera a Bruxelles al testo volto a ridurre gli ostacoli per incoraggiare i neo-imprenditori a scommettere sulle nuove idee di business

Far partire un’impresa con pochi click, o con un’interazione faccia a faccia per chi ha meno dimestichezza con il mondo virtuale. È questa la principale innovazione a cui apre la strada un provvedimento della commissione Giuridica del Parlamento europeo. L’eventuale approvazione del testo porterebbe a un abbattimento dei tempi di costituzione societaria per le aziende alla metà di quelli attuali. Si prevedono anche risparmi economici per i neo-imprenditori, che pagherebbero un terzo di quanto devono sborsare oggi per tradurre in realtà la loro idea di business. 

Al momento, solo 17 Paesi Ue su 28 mettono a disposizione una procedura di registrazione online per le nuove imprese, mentre i servizi di e-governance e libero accesso alle informazioni sono frammentari in tutta l’Unione europea. Si stima che velocizzare e semplificare i passaggi obbligati per far partire un’azienda porterà a un risparmio per le imprese europee comprese tra i 42 e gli 84 milioni di euro l’anno. 

Il relatore del testo, Tadeusz Zwiefka, sottolinea l’obiettivo del legislatore comunitario di “continuare a ridurre la burocrazia per le PMI e smantellare gli ostacoli che le imprese europee devono affrontare nel mercato comune”. L’eurodeputato polacco ricorda che l’approvazione in commissione Giuridica del testo “è solo un primo passo”, ma che evidenzia la fedeltà delle istituzioni Ue a un obiettivo comune, quello di “offrire agli imprenditori europei un ambiente moderno, sicuro e trasparente in cui operare”.

Oltre alle procedure online, le misure concordate prevedono anche l’affermazione cosiddetto “principio una tantum”, in forza del quale una società dovrà fornire determinate informazioni per una sola volta. Gli eurodeputati mirano anche a una maggiore trasparenza fiscale che metta un freno alle disparità di trattamento tra imprese.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • La tanto vituperata burocrazia è lì per evitare abusi ed effettuare controlli, non a caso ogni qualvolta si decide un condono o un silenzio assenso ne conseguono danni e disastri; forse sarebbe meglio parlare di vizi o eccessi derivanti da un malfunzionamento o, soprattutto, un sottodimensionamento di essa sia in persone che in mezzi, diversamente far passare l'idea che sia solo di intralcio fa solo male, soprattutto ai cittadini con minori difese.

Notizie di oggi

  • Attualità

    Ora è la Grecia a presentare il conto alla Germania: "Paghi i debiti di guerra"

  • Attualità

    Elezioni, il Regno Unito non cambia gli equilibri: nel prossimo Parlamento necessarie larghe intese

  • Attualità

    Basta annunci ingannevoli, Strasburgo vota le nuove norme sugli acquisti online

  • Attualità

    Un 'sovranista' Juncker dà l'addio a Strasburgo: l'Europa non si realizza senza nazioni

I più letti della settimana

  • Produzione industriale, l'Italia traina la crescita dell'Eurozona. Bloomberg: “Effetto tiramisù”

  • “I dipendenti di Amazon costretti a lavorare nonostante infortuni”

  • Ora è la Grecia a presentare il conto alla Germania: "Paghi i debiti di guerra"

  • Velocità assistita e “scatola nera”, ecco i 30 nuovi salvavita obbligatori per i veicoli

  • "Salvini è stato il deputato Ue più influente degli ultimi anni"

  • Greta: Mondo in fiamme come Notre-Dame, ma non ha fondamenta così solide

Torna su
EuropaToday è in caricamento