“Imparare dalla storia, il protezionismo non è la risposta alle crisi”. A Davos, Merkel contro Trump

Al World economic forum, la cancelliera tedesca critica le scelte protezionistiche in materia commerciale e ricorda l'importanza del multilateralismo. Un messaggio che sembra diretto al capo della Casa Bianca

EPA/LAURENT GILLIERON

"Il protezionismo non è la risposta" alle crisi che vive l'economia mondiale. “Chiuderci, isolarci, non ci condurrà verso un futuro sereno”. Non lo ha mai citato direttamente, ma le parole della cancelliera tedesca Angela Merkel sembrano indirizzate proprio al presidente degli Stati Uniti, Donald Trump e alle sue politiche protezionistiche e isolazionistiche. 

No al protezionismo

“Il protezionismo non è la risposta corretta", ha detto Merkel nel corso del suo intervento al World economic forum di Davos. "Se siamo dell'opinione che le cose sono semplicemente non eque - ha proseguito Merkel - che non c'è reciprocità, dobbiamo cercare risposte multilaterali, non seguire un percorso unilaterale, protezionista che ci isoli". In un altro passaggio Merkel ha fatto riferimento al centenario della fine della Prima guerra mondiale: "Abbiamo imparato le lezioni della storia?" si è chiesta suggerendo che la generazione nata dopo la Seconda Guerra Mondiale deve dimostrare di averle apprese, il che implica la necessità di impegnarsi per il multilateralismo, lavorare insieme per risolvere i problemi. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il populismo è un veleno

Il populismo di destra in Europa è un "veleno" prodotto da problemi irrisolti. Nel suo discorso a Davos, Merkel ha parlato anche della crescita dei movimenti di estrema destra in Europa, come Alternativa per la Germania (Afd), entrato per la prima volta nel parlamento federale tedesco a settembre, quando si è imposto come terza forza all'interno dell'assemblea. Partiti populisti sono nati in Francia, Olanda ed altrove. Merkel ha espresso l'auspicio che tali movimenti non acquistino maggiore forza e sostegno ed ha assicurato che il suo governo sta cercando di tenere il populismo di destra "sotto controllo, ma è un veleno".  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Premier olandese: "L'Italia impari a farcela da sola". Conte: è quello che faremo

  • Erdogan vuole che l'ex basilica di Santa Sofia a Istanbul torni ad essere una moschea

  • "Olanda, Lussemburgo e Irlanda fanno perdere all'Italia 8 miliardi l'anno"

  • La Svezia lancia una commissione d'inchiesta sulla strategia dell'immunità di gregge

  • La Francia chiude la centrale nucleare a rischio costruita ben 43 anni fa

  • Rackete: "Ue usa la scusa del coronavirus per lasciar morire i migranti in mare"

Torna su
EuropaToday è in caricamento