"Lasciate pignorare le case o niente soldi", l'Eurogruppo blocca i fondi per la Grecia

Formalmente, Atene è uscita dal piano di salvataggio dell'ex Troika. Ma di fatto, resta ancora appesa ai diktat dei creditori della zona Euro. Che chiedono a Tsipras di abolire lo stop ai pignoramenti delle abitazioni delle famiglie insolventi con le case. In cambio dello sblocco di 1 miliardo

Il premier greco Alexis Tsipras

Formalmente, è uscita dal programma di assistenza finanziaria. Ma di fatto, 4,8 miliardi che dovrebbe ricevere da qui al 2022 sono ancora bloccati nelle casse della Bce e delle altre banche nazionali dei Paesi dell'Eurozona. Per averli, deve concludere il suo programma di riforme. E poco importa che delle 16 misure pattuite, ben 13 siano state già approvate. Se la Grecia non abolirà lo stop ai pignoramenti delle case delle famiglie insolventi da parte delle banche, l'Eurogruppo non sbloccherà i fondi richiesti da Atene. 

La legge sulla prima casa

E' quanto emerso ieri sera a margine della riunione dell'Euogruppo, al quale ha preso parte anche il ministro italiano Giovanni Tria. Riunione che avrebbe dovuto avviare l'erogazione di 1 miliardo di euro, prima tranche dei quasi 5 miliardi di profitti delle obbligazioni greche detenute da Francoforte e da altri istituti centrali europei. Ma l'avvio dei fondi è stato rinviato ad aprile. Il motivo è il mancato superamento della legge Katseli, che nel 2015, nel pieno della crisi, aveva messo un freno ai pignoramenti delle prime case bloccando quelli nei confronti di famiglie composte da almeno 5 membri e che posseggono abitazioni di un valore fino a 280 mila euro. Secondo le ultime stime, le famiglie "salvate" dal governo di Alexis Tsipras sarebbero circa 135mila, mentre i loro debiti ammonterebbero nel complesso a 17 miliardi. 

Le pressioni delle banche

Le banche, come è facile intuire, stanno facendo pressioni perché questa misura straordinaria venga abolita. E l'Eurogruppo sta dando loro una mano. "L'inattività del governo greco non invia un messaggio positivo ai mercati per quanto riguarda il corso dell'economia, in un momento in cui la Grecia è più che mai pronta a dimostrare il suo ritorno alla normalità", aveva detto alla vigilia una fonte europea. 

In realtà, questo ritorno alla normalità è più nelle parole che nei fatti. Il governo è tornato di recente sui mercati per raggranellare denaro, emettendo bond per 2,5 miliardi. Non proprio un segnale di sostenibilità finanziaria. E il Fondo monetario internazionale, la scorsa settimana,  avrebbe avvertito la Grecia dei rischi inclusi nel suo sistema creditizio, proprio per via dell'alto numero di crediti deteriorati, compresi dunque quelli delle famiglie protette dalla legge Katseli.

Il rischio più generale per Atene è di ritrovarsi nuovamente al centro delle pressioni internazionali. Proprio in un momento in cui Tsipras sta cercando di recuperare lo svantaggio in termini di consensi nei confronti del centrodestra. Per il leader di Syriza ci sono due appuntamenti importanti: le elezioni europee di maggio e, soprattutto, quelle politiche di ottobre. Togliere a decine di migliaia di famiglie l'unica arma di difesa per tenersi la prima casa, potrebbe condannarlo a sconfitta quasi certa.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Macron frena sull'ingresso di Albania e Macedonia nell'Ue: "No all'avvio dei negoziati"

  • Orban nega il cibo ai migranti in transito, l'Ue: "Violati i diritti fondamentali"

  • Chi sono i 20 giganti che inquinano di più al mondo

  • Cresce il numero di studenti neri a Cambridge, è lo 'Stormzy effect'

  • Erdogan minaccia l'Europa: se parlate di invasione vi manderemo i 3,6 milioni di rifugiati

  • La Polonia alle urne, la destra di Kaczynski verso una nuova vittoria

Torna su
EuropaToday è in caricamento