Dopo le merci anche i dati potranno circolare liberamente nell'Unione europea

Parlamento e Consiglio hanno raggiunto un accordo sul testo che mira a rimuovere le barriere che impediscono il libero flusso dei dati, cosa che potrà generare, secondo calcoli della Commissione, una crescita aggiuntiva al Pil del 4% entro il 2020

Il vicepresidente Ue per il digitale Andrus Ansip

Via libera alle nuove regole per archiviare e processare dati ovunque nella Ue senza restrizioni ingiustificate. Parlamento e Consiglio europei hanno raggiunto un accordo sul testo che mira a rimuovere le barriere che impediscono il libero flusso dei dati, cosa che potrà generare, secondo calcoli della Commissione, una crescita aggiuntiva al Pil del 4% entro il 2020. Si tratta di un passo che rafforza la digitalizzazione dell'economia e dello spazio pubblico.

Le nuove misure

Gli Stati secondo le nuove regole dovranno comunicare alla Commissione le restrizioni o la localizzazione dei dati in situazioni specifiche limitate al processo dei dati del settore pubblico. In questione non sono i dati personali e il regolamento non ha alcun impatto sull'applicazione dell'altro regolamento sulla protezione generale dei dati. Tuttavia i due regolamento insieme permetteranno il libero flusso dei dati, sia personali che non personali, creando in tal modo uno spazio europeo unico per i dati. Le autorità pubbliche saranno in grado di accedere ai dati per verifiche e controlli di supervisione indipendentemente dal luogo in cui sono archiviati. Gli Stati potranno sanzionare gli utenti che non forniscono l'accesso ai dati archiviati in un altro Stato membro della Ue. Per i servizi "cloud" viene incoraggiata la creazione di codici di condotta per facilitare il passaggio tra i fornitori di tali servizi sulla base di scadenze precise.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • I furti d'identità sono i reati più vecchi della storia ed esistevano anche prima dell'invenzione della tecnologia quindi le fobie legate a presunte violazioni privacy sono generate da altri motivi (doppievite malaffari). La circolazione delle informazioni corrette -oltre ad incrementare affari aumentando il famoso p.i.l.- genera OPPORTUNITA che i sistemi sociali chiusi non forniscono perché non vogliono la sana concorrenza - contesti territoriali settari e conservatori - i flussidiinformazioni corrette SALVANO VITE UMANE.

  • Tutti i nostri dati girano, ma non chiedeteli ai ROM: loro sono esenti, chi non è d'accordo è antisemita e poi l'ANPI piange

  • Alla faccia della privacy! così sarà ancora più facile per gli hacker rubare le identità di tutti noi più i dati girano più sarà facile per loro riuscirci! e poi gridano allo scandalo se vuoi recensire i rom!

  • Perchè, adesso le merci possono tranquillamente circolare? Ma questi signori sanno che l’Austria sta strozzando il traffico dei Camion diretti dall’Italia al Nord e viceversa?

Notizie di oggi

  • Fake & Fact

    Libero scambio Ue-Giappone, ecco a chi interessa in Italia e perché il M5s lo appoggia

  • Attualità

    “Italiani, andate via dalla Libia”, il ministero degli Esteri 'smentisce' Salvini 

  • Food

    Ceta, Centinaio chiede il riconoscimento di altre Igp. L'Ue: possibilità prevista dall'accordo

  • Attualità

    La figlia muore ma non può accedere al suo profilo: madre vince causa contro Facebook

I più letti della settimana

  • Allarme listeria in tutta Europa: finora 9 decessi. Ecco da dove sarebbe partita la contaminazione

  • Testimoni di Geova, la Corte Ue: “Porta a porta rispetti leggi sulla privacy”

  • Le spese pazze di Macron fanno precipitare la sua popolarità

  • Il tuo frigo intelligente potrebbe derubarti: l'Ue lancia il certificato per le smart appliance

  • Eurodeputati Paperoni, ecco quali sono i più ricchi a Strasburgo

  • "AirBnB non rispetta le regole sulla trasparenza nei prezzi", l'Ue minaccia sanzioni

Torna su
EuropaToday è in caricamento