Coronavirus, la Germania riparte: Volkswagen riprende la produzione di auto

Inizialmente la capacità sarà di un terzo del normale, riaperti anche gli stabilimenti che fabbricano i componenti. Concordate coi sindacati le misure di sicurezza per il lavoratori

Lavoratori nello stabilimento di Zwickau - foto Ansa

La Germania di Angela Merkel tira dritto e ha intenzione di tornare quanto più in fretta possibile alla normalità, o almeno a qualcosa che si avvicini alla normalità.

Riparte la produzione

Tra i primi a scaldare i motori, è proprio il caso di dirlo, sarà la Volkswagen che tornerà a produrre automobili nello stabilimebto di Zwickau in Sassonia, dove si assemblea l'elettrica ID.3. La produzione iniziale sarà di 50 vetture al giorno, un terzo della capacità a pieno regime. L'attività sarà regolata da un accordo scritto con i sindacati della Sassonia per garantire la sicurezza di tutti i lavoratori con misure specifiche su protezioni, sanificazioni e cambi turno. Le mascherine saranno obbligatorie solo dove non è possibile garantire la distanza di 1,5 metri, mentre spetta ai dipendenti decidere se misurarsi autonomamente la temperatura.

Anche nelle fabbriche di componenti

Per garantire la fornitura di componenti Volkswagen ha deciso la riapertura anche degli stabilimenti di Chemnitz e della Glaserne Manufacktur (fabbrica di vetro) di Dresda dove dal 27 riprenderà la produzione della e-Golf.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Affari e responsabilità

"Tutti abbiamo un compito storico da compiere. Quel compito è proteggere la salute dei nostri dipendenti e allo stesso tempo riportare gli affari sulla buona strada in modo responsabile", ha affermato Thomas Ulbrich, membro del consiglio di amministrazione dell'azienda e presidente della filiale di Sachsen. Secondo Ulbrich, l'attuale difficile situazione richiede nuove priorità: "La preoccupazione principale al momento non è quante macchine possono essere costruite al giorno. Ciò che è più importante è che il processo di trasformazione della mobilità elettrica già in corso inizi a riprendere”. Se quello di Zwickau è il primo stabilimento Volkswagen in Germania a riprendere con cautela la produzione dopo l'interruzione di metà marzo, la produzione è già ripresa in quasi tutti gli stabilimenti in Cina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Finlandia dice addio alla svastica: per un secolo è stata il simbolo delle sue forze aeree

  • Addio diesel, Volkswagen riconverte in ecologica la sua principale fabbrica tedesca

  • Erdogan vuole che l'ex basilica di Santa Sofia a Istanbul torni ad essere una moschea

  • L'Olanda fornisce aiuti economici alle ex colonie, ma pretende in cambio austerità

  • Grecia stanca della Troika: "Condizionalità nel Recovery Fund inaccettabili"

  • Lisbona riconvertirà le case di Airbnb in appartamenti per i lavoratori chiave

Torna su
EuropaToday è in caricamento