Google News a rischio chiusura in Europa: "Colpa delle regole Ue sul copyright"

Il motore di ricerca potrebbe oscurare il controverso servizio di rassegna stampa per via della cosiddetta (erroneamente) "link tax". E minaccia: "Calo di lettori per i giornali online"

A pochi mesi dall’approvazione della Direttiva sul diritto d’autore nel mercato unico digitale, il gigante dei motori di ricerca Google sta valutando la chiusura del servizio di rassegna stampa. Google News, per continuare le sue attività, dovrebbe infatti pagare una tassa per ogni link condiviso assieme ad alcune righe che sintetizzano la notizia, i cosiddetti “snippets”. La tassa, divenuta famosa col nome fuorviante di “link tax”, servirebbe a compensare gli editori di notizie, la cui raccolta pubblicitaria online è ormai prosciugata quasi totalmente dai principali colossi di internet. 

Per bocca del vicepresidente della sezione notizie di Google, Richard Gingras, la multinazionale californiana del web potrebbe fare a meno di Google News nei Paesi Ue per via delle “profonde preoccupazioni” dovute alle attuali proposte, pensate per compensare gli editori in difficoltà.

Il precedente della Spagna

Intervistato dal giornale britannico Guardian, Gingras ha ricordato che l’ultima volta che un governo ha cercato di tassare Google per le notizie “linkate”, il motore di ricerca ha risposto chiudendo la rassegna stampa. Il pretendete storico coinvolse la Spagna nel 2014, ma le conseguenze gravarono soprattutto sugli editori iberici visto che si verificò “un calo del traffico verso i siti spagnoli di notizie”. 

Gingras assicura che la sua azienda sta ancora lavorando affinché l’applicazione della Direttiva non vada a colpire il servizio di rassegna stampa che, ricorda il rappresentante di Google, è completamente gratuito e non porta alcun introito diretto in termini di raccolta pubblicitaria nelle casse del motore di ricerca. 

Contando su 500 milioni di cittadini, l’Unione europea è tra le poche istituzioni a livello mondiale capace di imporre regole ai giganti del web, come nel caso della recente normativa a tutela della privacy. Tale potere fa anche di Bruxelles una delle capitali più esposte alle pressioni delle lobby che, come in questo caso, investono ingenti somme di denaro ed energie a tutela dell’interesse aziendale, tanto legittimo per gli azionisti quanto contrastante con i principi di trasparenza delle istituzioni. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Fake & Fact

    Così i gruppi di Facebook vengono usati per diffondere fake news sui vaccini

  • Attualità

    Disneyland Parigi avrà il suo Gay Pride: arriva il Magical Pride

  • Attualità

    Di Maio lancia la corsa 5 Stelle per l'Europa. E scarica un pezzo dei gilet gialli

  • Lavoro

    "Prima i cinesi", Lega e M5s contrari allo scudo Ue anti-Pechino sugli investimenti

I più letti della settimana

  • Ikea apre ai mobili di seconda mano. Per promuovere l'economia circolare

  • Aula quasi vuota per Conte a Strasburgo, Verhofstadt: "Burattino di Salvini e Di Maio"

  • Berlino teme di perdere 100 mila posti di lavoro. “Colpa della hard Brexit”

  • Adesso Francia e Germania vogliono togliere poteri all'Ue

  • Calenda difende Conte: "Non accetto attacchi alla dignità del mio Paese"

  • "Prima i cinesi", Lega e M5s contrari allo scudo Ue anti-Pechino sugli investimenti

Torna su
EuropaToday è in caricamento