Bruxelles chiede un passo indietro sul Def: "Non è tardi per un percorso credibile"

Moscovici garantisce: "Non vogliamo lo scontro, convincerò Tria". Katainen: "Tutti abbiamo visto la situazione nei mercati e non è positiva"

© European Union

La Commissione europea non cerca lo scontro con l’Italia, però le regole vanno rispettate e quindi il governo dovrebbe fare un passo indietro sul Documento di economia e finanza, il Def. Per il nostro Paese "non e' troppo tardi per dimostrare che le finanze pubbliche sono su percorso credibile", ha dichiarato il vicepresidente dell’esecutivo comunitario, Jyrki Katainen. "Aspettiamo i dati esatti dal governo italiano entro il 15 del mese poi analizzeremo se il bilancio e' in linea con gli impegni presi dall'Italia”, ha detto rispondendo alle domande dei giornalisti italiani sulla manovra, sottolineando che “tutti abbiamo visto la situazione sui mercati, che non e' positiva". Per Katainen l’interesse della Commissione “e' avere un risultato che sia credibile e tentare di convincere il governo italiano a assumersi le sue responsabilità", e per farlo bisogna "essere pragmatici" e portare avanti una "buona cooperazione" con l'esecutivo di lega e Movimento 5 Stelle. "Non e' troppo tardi per mantenere la stabilità, non e' troppo tardi per mostrare che la crescita può continuare in Italia, non e' troppo tardi per dimostrare che le finanze pubbliche sono su percorso credibile", ha concluso.

"Serve uno sforzo"

"Non è nell'interesse dell'Italia aumentare il debito", e "questo è il motivo per cui cercherò fino all'ultimo di convincere il Governo, e specialmente il ministro dell'Economia”, Giovanni Tria, “ad avvicinarsi alle regole comuni”, ha dichiarato invece il commissario agli Affari economici, Pierre Moscovici. “Potremo non essere in pieno accordo, ma ci serve uno sforzo di avvicinamento in modo che possiamo vedere che l'Italia è ancora quello che deve essere, un membro al cuore della zona euro", ha affermato il socialista francese in un'intervista a Bloomberg Tv a Bali. "Non abbiamo rigettato il budget italiano", visto che i piani di bilancio arriveranno a Bruxelles lunedì, e al momento "abbiamo dato una prima occhiata, e la prima reazione è stata che c'è un rischio di deviazione significativa perché questo bilancio, come lo conosciamo ora, rischia di non rispettare le regole disegnate da tutti gli Stati". "Non e' interesse o volontà della Commissione europea entrare in conflitto con l'Italia”, ha garantito Moscovici, ma allo stesso tempo “non e' interesse dell'Italia fare una manovra che non riduca significativamente il debito che alla fine dovrà essere pagato dagli italiani".

"Le regole sono negli interessi degli italiani"

Le regole comunitarie, ha aggiunto ancora Moscovici, "sono nell'interesse degli italiani stessi, perché sono state fatte per ridurre il peso del debito e il debito in Italia è il 130% del Pil, questo è il motivo per cui non solo il deficit nominale, al 2,4%, ma anche lo strutturale va ridotto"

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • I mercati e lo spread sono condizionati dal clima che la UE crea quotidianamente con dichiarazioni allarmistiche e minacciose. Abbiamo perso la sovranità nazionale: fuori da questa Unione del menga, finchè siamo in tempo.

  • moscovici... ma come mai non sei più ministro dei magnarane? e dai lezioni...

  • Molti italiani erano convinti che su facebook -il loro sfogatoio quotidiano- non esistessero regole, sono emerse delle dichiarazioni gravi finite nel mirino della digos italiana giustamente. Nel 2018 è inaccettabile non sapere perché i mezzi per acquisire info sono infiniti e la tecnologia è uno dei mezzi messi a disposizione. Hanno sempre avuto seri problemi con il rispetto delle regole perché sono persone viziate e ignoranti.

Notizie di oggi

  • Lavoro

    Reddito di cittadinanza, il governo tedesco “difende” la misura dei 5 stelle

  • Attualità

    Brexit, c'è l'accordo tecnico. May convoca una riunione straordinaria del governo

  • Attualità

    Il Parlamento Ue con i rom e le altre minoranze: basta apolidia e discriminazioni

  • Lavoro

    Tetto ai costi delle chiamate, rescissioni più facili e 5G: ecco il nuovo codice europeo delle telecomunicazioni

I più letti della settimana

  • Benzina, l'Ue contro gli sconti in Lombardia: toglieteli o vi multiamo

  • Il Belgio riattiva il reattore nucleare di Tihange, il più “vetusto e pericoloso”

  • "Deputato M5s ha mentito sulla laurea", l'accusa a Valli. Che si autosospende

  • “Umiliazioni e punizioni corporali”, scandalo all'università cattolica

  • Libia, altro che migranti: Italia e Francia litigano per il petrolio

  • Bruxelles avverte l'Italia: no all'uso di fondi Ue per il reddito di cittadinanza

Torna su
EuropaToday è in caricamento