Bilancio europeo, accordo sull'aumento dei fondi per migranti, Erasmus e occupazione giovanile

160 miliardi di euro di impegni. Quasi un terzo per la politica di coesione. 70 milioni in più per la ricerca. Congelati parte dei fondi per la Turchia

© European Union 2017 - Source : EP.

Gli impegni sulla carta restano uguali. Quello che cambia è che, rispetto al passato, sono aumentati i fondi “veri” che gli Stati membri hanno messo nelle casse europee. E' forse questa la maggiore novità dell'accordo sul bilancio 2018 dell'Ue raggiunto tra il Parlamento europeo e i rappresentanti dei 28 Stati membri

Gli impegni (i finanziamenti che possono essere stabiliti nei contratti di un determinato anno) ammontano a 160,1 miliardi di euro, una cifra analoga a quella del 2017. Il tetto per i pagamenti (i finanziamenti che verranno effettivamente erogati) è stato fissato a 144,7 miliardi, con un aumento del 14,1% rispetto all'anno in corso. 

Secondo la Commissione, quasi la metà dei fondi (77,5 miliardi di impegni) saranno destinati a rendere pIù forte l'economia Ue con varie iniziative come il programma di ricerca Horizon 2020 (11,2 miliardi), il Fondo europeo per gli investimenti strategici (2 miliardi), il programma Cosme per le piccole e medie imprese (354 milioni), oltre ai fondi strutturali e di coesione (55,5 miliardi). Le risorse destinate agli agricoltori costituiscono ancora la posta più importante del bilancio comunitario con 59 miliardi di euro. 

Più risorse per giovani, agricoltura e ricerca

All'iniziativa per l'occupazione giovanile sono stati riservati 350 milioni di euro. Più di 4 miliardi dovrebbero essere destinati alla gestione della migrazione e alle sfide in materia di sicurezza. Nel corso dei negoziati, l'Europarlamento ha ottenuto più risorse per l'occupazione giovanile (116 milioni), Erasmus+ (20 milioni) Horizon 2020 (70 milioni), Cosme (15 milioni), la gestione esterna delle migrazioni (80 milioni) e i giovani agricoltori (34 milioni). 

Congelati i fondi per la Turchia

Inoltre, Europarlamento e governi hanno deciso di tagliare i fondi pre-adesione destinati alla Turchia di 105 milioni e di congelarne altri 70 milioni a causa del deterioramento della democrazia, dello stato di diritto e dei diritti umani nel paese. Rispetto al 2017, i capitoli del bilancio che subiranno tagli nel 2018 sono "Sicurezza e cittadinanza" (-18,5% in impegni, -7,6% in pagamenti) e "Ruolo globale dell'Europa (-8,3% in impegni, -1,7% in pagamenti). Gli altri tre grandi capitoli di bilancio registrano degli incrementi. I pagamenti per il capitolo crescita intelligente e inclusiva aumenteranno del 34,9% a quota 66,6 miliardi, di cui 46,5 miliardi per i fondi strutturali e di coesione (+ 54,7 %). I pagamenti per l'agricoltura aumenteranno del 3,6% a quota 56,1 miliardi. L'amministrazione, con 9,7 miliardi di euro, registra un aumento del 2,9% rispetto all'anno in corso.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Attualità

    La Corte dei diritti umani: l'Italia dia alloggio alle famiglie rom sgomberate

  • Attualità

    Elettori “importati” e voti comprati, Soros accusa Orban alla vigilia delle europee

  • Attualità

    Patto tra Ue e Cina per la cooperazione nel trasporto aereo

  • Multimedia

    Tg Europa Today: i 10 successi del Parlamento europeo negli ultimi 5 anni

I più letti della settimana

  • "Datori hanno l'obbligo di misurare l'orario di lavoro effettivo", storica sentenza della Corte Ue

  • Tensione tra Italia e Austria: "Siete come la Grecia", "Pensi prima di parlare"

  • "Il vero volto dei sovranisti Ue: al fianco delle lobby e contro famiglie e lavoratori"

  • Meloni: "Far votare i militari all'estero". Ma dimentica 3 milioni di italiani

  • "L'Ue impone all'Italia di dare le case popolari ai rom". Ma è una bufala

  • Anche la Germania apre ai monopattini elettrici

Torna su
EuropaToday è in caricamento