Benzina, l'Ue contro gli sconti in Lombardia: toglieteli o vi multiamo

Bruxelles ha aperto una procedura di infrazione contro l'Italia. Sotto accusa la riduzione dell'Iva sul carburante per le stazioni di servizio vicine al confine con la Svizzera

In Lombardia, più ci si avvicina al confine con la Svizzera, più la benzina costa meno. E' il frutto di una legge italiana che consente di ridurre l'aliquota Iva applicata al carburante quanto più la stazione di rifornimento è prossima alla frontiera elvetica. Dove, si sa, fare il pieno conviene. Ma questa legge viola le regole Ue e pertanto va abrogata: lo sostiene la Commissione europea, che ha avviato una procedura di infrazione contro ll'Italia, chiedendo che uniformi le norme sul prezzo del carburante in Lombardia al diritto dell'Ue. 

Per Bruxelles, le leggi fiscali italiane consentono di avere due aliquote Iva diverse per lo stesso prodotto, la benzina, a seconda del luogo in cui viene acquistato. "Questa legge - avvertono dalla Commissione - crea distorsioni della concorrenza e viola le disposizioni delle norme comuni dell'Ue, che vieta agli Stati membri di trattare beni analoghi in modo diverso ai fini dell'Iva". Se l'Italia non si attiverà entro i prossimi due mesi, la Commissione passerà alla seconda fase della procedura di infrazione, con l'invio di un parere motivato alle autorità italiane. Il procedimento è lungo, ma se il Belpaese non si adeguerà alle richieste Ue, il rischio è di ritrovarsi un giorno a pagare una pesante multa. 
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Attualità

    Agli italiani l’Euro piace sempre di più

  • Attualità

    Brexit, dopo l'Irlanda tocca a Gibilterra. La Spagna: "Si cambi il testo o non votiamo l’accordo"

  • Attualità

    L'Ue apre la prima scuola di spie. E l'Italia guiderà la difesa anti-droni e spaziale

  • Ambiente

    Basta inceneritori, non servono (più). Ce lo chiede l'Europa

I più letti della settimana

  • Epidemia di borreliosi di Lyme a livelli “allarmanti”, Strasburgo chiede interventi

  • L'Ue dice no a Merkel e Macron: il "gigante europeo dei treni" può attendere

  • Dov’è finito il “tesoro” di Gheddafi? Italia nello scandalo che fa tremare banche e governi europei

  • Bici elettriche, l'Ue chiude la porta alla Cina

  • Manovra, il braccio di ferro con l'Ue potrebbe costare 60 miliardi l'anno

  • Diritti dei passeggeri: le 10 cose da fare quando aerei, treni, bus o navi sono in ritardo

Torna su
EuropaToday è in caricamento