“I dipendenti di Amazon costretti a lavorare nonostante infortuni”

Un'inchiesta del Guardian accusa la compagnia di non riconoscere i problemi fisici dei suoi operai per non pagare le spese mediche e per costringerli a restare nella catena di produzione

Ansa EPA/FRIEDEMANN VOGEL

La velocità per Amazon è tutto, e per questo non possono esserci ritardi in quella che è, a quanto pare, una delle “catene di montaggio” più frenetiche del mondo. Migliaia di oggetti ogni giorno vengono impacchettati, etichettati e spediti in ogni nazione da operai che lamentano spesso condizioni di lavoro estenuanti. Al punto tale che alcuni di loro sarebbero anche costretti a lavorare nonostante infortuni che vengono negati dalla compagnia, che non vuole perdere una forza lavoro o addirittura pagare per le sue spese mediche.

L'inchiesta

È l'accusa che arriva da un'inchiesta del Guardian che racconta, tra gli altri, il caso di Michelle Quinones, lavoratrice in uno stabilimento in Texas, negli Stati Uniti, a cui a causa del lavoro era venuta una Sindrome del tunnel carpale, una malattia che comporta l'infiammazione dei tendini della mano. Diverse volte era stata nell'infermeria dell'azienda ma ogni volta veniva mandata di nuovo a preparare e spedire pacchi fino a quando nel novembre del 2017 il problema si aggravò al punto tale che poteva solo essere risolto con un'operazione. Ma la compagnia di assicurazione di Amazon ha rifiutato di riconoscere l'infortunio e la donna alla fine ha potuto operarsi soltanto lo scorso febbraio, dopo oltre un anno di battaglia legale. E così nel frattempo non ha potuto lavorare né essere curata. “Sono stati 17 mesi lunghissimi, ho perso tutto, anche io mio appartamento, e sono dovuta tornare in New Jersey”, ha raccontato al giornale.

Non un caso isolato

Il suo avvocato, Kim Wyatt, esperto in cause di lavoro, ha affermato che non si tratta di un caso isolato ma che ha rappresentato diverse volte lavoratori con problemi simili. "Molti dei casi che riguardano Amazon sono casi di lesioni ripetitive. Fondamentalmente le persone per loro sono solo un componente per l'industria della produzione di massa", ha detto Wyatt.

La difesa dell'azienda

L'azienda il cui fondatore e presidente, Jeff Bezos, è ormai una delle persone più ricche del mondo con un patrimonio personale stimato in oltre 148 miliardi di dollari, nega queste accuse. In una mail al giornale un suo portavoce ha spiegato che “i dipendenti sono il cuore e l'anima delle nostre operazioni e lavoriamo sodo per garantire che gli venga fornito un ambiente di lavoro sicuro, confortevole e moderno, nonché opportunità per la mobilità verso l'alto".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Che sia vero? stà di fatto che molti sono invidiosi del successo commerciale di Amazon, della serie la volpe e L'uva e quindi sono molto bravi a criticare l'operato degli altri, grazie anche all'esempio dei politici che invece di risolvere i problemi della propria nazione pensano solo a farsi fuori per la carega d'oro!

  • Trovo strano questo fatto poiché Amazon per i propri dipendenti prevede persino una assicurazione sanitaria, nel contratto integrativo.

  • Chi si arricchisce, nel caso di Amazon è solo sulla pelle degli altri, cioè i lavoratori... I dipendenti di Amazon costretti a lavorare nonostante infortuni... Jeff Bezos, è ormai una delle persone più ricche del mondo con un patrimonio personale stimato in oltre 148 miliardi di dollari ke si porterà negli abissi o se li pappano gli altri, alla faccia sua :-(

Notizie di oggi

  • Lavoro

    Lavorare in Germania rende infelici

  • Attualità

    In Slovenia anche la lingua dei segni sarà idioma ufficiale del Paese

  • Lavoro

    "M5s e Lega traditori, da governo ok ad accordo Ue-Usa", la rivolta dei comitati anti-Ttip

  • Attualità

    "La nuova Guardia frontiera Ue un attacco alla sovranità dell'Italia", l'allarme dei gialloverdi

I più letti della settimana

  • Ora è la Grecia a presentare il conto alla Germania: "Paghi i debiti di guerra"

  • Velocità assistita e “scatola nera”, ecco i 30 nuovi salvavita obbligatori per i veicoli

  • "La nuova Guardia frontiera Ue un attacco alla sovranità dell'Italia", l'allarme dei gialloverdi

  • Greta: Mondo in fiamme come Notre-Dame, ma non ha fondamenta così solide

  • "M5s e Lega traditori, da governo ok ad accordo Ue-Usa", la rivolta dei comitati anti-Ttip

  • Chi sono i Paesi Ue che non vogliono accogliere i migranti "italiani"

Torna su
EuropaToday è in caricamento