Stipendi diversi tra uomini e donne? Sei giornalisti di grido della BBC si riducono il salario. L'emittente ringrazia

Presentatori di GR e TG si tagliano lo stipendio come risposta al diverso trattamento economico tra uomini e donne. Reazione concreta alle dimissione della collega Carrie Gracie, licenziatasi in segno di protesta per il salary gap

ANSA/AP Photo/Lefteris Pitarakis

Un auto-taglio al salario in nome della parità di genere e contro la discriminazione. Il gesto, peraltro molto concreto, è di sei giornalisti di grido della BBC che hanno deciso di reagire al diverso trattamento imposto dall'azienda tra uomini e donne mettendo mano al portafogli. L'iniziativa nasce come reazione alle dimissioni di Carrie Gracie, la corrispondente della rete britannica in Cina che si è licenziata tre settimane fa per protestare contro il gap salariale tra uomini e donne. 

I sei giornalisti che hanno messo mano al portafogli

Il primo ad annunciare la decisione di ridursi lo stipendio è stato Jhon Humphrys, presentatore di Today, il programma informativo mattutino della radio che gli assicurava 685 mila euro all'anno, quindi è stato seguito a ruota dal compagno di programma Nick Robinson, oltre 280 euro, e da Jeremy Vine, anche lui presentatore alla radio e con un salario di oltre 800 mila euro. Poi è stato il turno di Huw Edwards, uomo da TG e da oltre 630 mila euro, di Jon Sopel, corrispondente in Nord America, 230 mila, e Nicky Campbell, presentatore di due programmi e uno stipendio di oltre 450 mila euro.

La BBC ringrazia: "siamo orgogliosi di loro"

Non si sa ancora di quanto si taglieranno gli emolumenti e se questi soldi finiranno a un fondo per migliorare gli stinpendi delle loro colleghe. Intanto, la BBC ringrazia: "sono dei grandi giornalisti e presentatori, siamo orgogliosi che lavorino per la BBC". Normale che la rete ringrazi, per ora ha infatti risparmiato dei soldi e non ha ancora parificato i salari tra di due sessi. 

La lista degli stipendi

Nel luglio scorso la BBC ha pubblicato la lista dei dipendenti che guadagnano più di 150 mila sterline all'anno, circa 170 mila euro. In totale 96 persone, di cui solo un terzo donne e, oltretutto, con grosse differenze: Chris Evans, il miglior pagato, riceve 2,5 milioni di euro (assai meno di quanto percepito da Bruno Vespa, per fare un nome), oltre 4 volte il salario della miglior pagata, Claudia Winkleman. La pubblicazione della lista ha portato le 40 giornaliste più famose della casa a scrivere una lettera al direttore chiedendo azioni per diminuire il gap salariale. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ad aprile entra in vigore la legge sulla trasparenza dei salari

Lo scandalo della rete pubblica è destinato ad essere il primo di una lunga serie: ad aprile entra in vigore la legge che impone alle imprese con più di 250 dipendenti di rendere pubbliche le differenze salariali tra uomini e donne. Oltretutto il gap alla BBC è del 9,3%, di fronte ad una media nazionale del 18,1%. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Il Covid-19 non è nato nel mercato di Wuhan", studio cinese riscrive la storia del virus

  • I turisti dal Nord Italia sono un rischio: non lo dice la Grecia ma l’Europa

  • Farnesina conferma: "Malta respinge i migranti verso l'Italia". Ma per l'Ue va tutto bene

  • Il Recovery fund non basta, vogliamo il Mes: banche, agricoltori ed edili in pressing sul governo

  • "Da Italia 125 mld per aiutare Stati Ue tra il 2010 e il 2012", il 'riconoscimento' della stampa tedesca

  • Confini, ‘biscotto’ anti-Svezia tra Danimarca e Norvegia. Stoccolma: “Non discriminateci”

Torna su
EuropaToday è in caricamento