Volontari e professionisti della solidarietà, dal Parlamento Ue ok a 375 milioni

Strasburgo ha dato l’ok definitivo al finanziamento del nuovo programma di servizio civile dell’Unione rivolto ai giovani che intendono impegnarsi nel sociale e per l’ambiente

Non solo volontariato, ma un’occasione concreta di formazione e crescita professionale. Il Parlamento europeo ha dato l’ok definitivo allo stanziamento di 375,6 milioni di euro per il Corpo europeo di solidarietà, il programma dell’Ue rivolto a progetti in settori quali l'ambiente, l'istruzione e l'integrazione dei migranti. Ma anche salute e prevenzione delle catastrofi naturali.

Il finanziamento riguarda il periodo 2018-2020: il 90% del fondo sarà destinato al volontariato, mentre il 10% al settore professionale. Già, perché una delle novità di questo programma è proprio quella di riconoscere le professionalità che operano nel vasto e variegato mondo della solidarietà. 

No allo sfruttamento

Gli eurodeputati hanno infatti stabilito che vi sia una chiara distinzione tra attività di volontariato e collocamenti lavorativi, per garantire che nessuna organizzazione partecipante utilizzi i giovani come volontari non retribuiti “risparmiando” sui posti di lavoro potenzialmente attivabili. Il periodo di volontariato sarà limitato a 12 mesi mentre per i tirocini il periodo dovrà essere compreso tra i 2 e i 6 mesi. Il Parlamento ha anche imposto un contratto di lavoro minimo di tre mesi.

Tutte le organizzazioni partecipanti hanno bisogno di un "marchio di qualità" che attesti che sono in grado di offrire attività di solidarietà di alta qualità. Questa etichetta verrà controllata regolarmente e potrà essere revocata. 

A chi è rivolto il programma

Il programma è aperto sia alle organizzazioni, sia a singoli soggetti che possono chiedere di partecipare alle attività gestite dalle organizzazioni registrate. Per i singoli, l’età deve essere compresa tra i 18 e i 30 anni: ci si puo’ iscrivere a 17 anni purché alla data di inizio dell’eventuale tirocinio si sia maggiorenni. Per partecipare bisogna registrarsi al seguente portale web (anche in italiano): https://europa.eu/youth/solidarity_en

“Uno strumento ambizioso, concreto e assolutamente necessario, in un’Unione vittima degli egoismi nazionali e dell’intolleranza - dice l'eurodeputato del Pd Brando Benifei - É ora essenziale coinvolgere le organizzazioni non governative, le associazioni giovanili e del volontariato, gli enti pubblici e le cooperative per ampliare al massimo il raggio di azione del Corpo. I primi bandi sono già disponibili sul Portale europeo per i Giovani”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Attualità

    Via i fondi regionali ai Paesi Ue che non rispettano le regole di bilancio

  • Attualità

    Il Labour apre (ma non troppo) a un secondo referendum sulla Brexit

  • Attualità

    Perché l'attacco di Di Battista alla Francia "piace" alla Germania

  • Attualità

    Asse Parigi-Berlino: cos'è il Trattato di Aquisgrana. Che la Lega contesta 

I più letti della settimana

  • La guerra del Big Mac: il “Davide” irlandese sconfigge McDonald's. "Grazie all'Ue"

  • "Per la Germania sono finiti i tempi migliori", l'allarme degli industriali tedeschi

  • Che cos’è il franco Cfa che i 5 Stelle attaccano. E che ha poco a che vedere con i migranti

  • Strasburgo apre al reddito di cittadinanza: "Possibile co-finanziamento Ue"

  • Colpo a Orban e Kaczynski, Strasburgo taglia i fondi Ue a chi non rispetta lo stato di diritto

  • Caos Brexit, l'allarme dell'industria farmaceutica: "Rischi per pazienti in Ue e nel Regno Unito"

Torna su
EuropaToday è in caricamento